Bol d’Or: Monster Yamaha Austria, fuori gioco a Magny Cours

Ritiro alle 7:40 di domenica

22 aprile 2011 - 5:13

Il Bol d’Or resta un “tabù” per YART, Yamaha Austria Racing Team. La squadra Campione del Mondo Endurance 2009 anche quest’anno non è riuscita a conquistare la vittoria finale a Magny Cours, costretti al ritiro nella mattinata della domenica (alle 7:40) per un problema al propulsore. Già nel corso della nottata le temperature d’esercizio della Yamaha YZF R1, contraddistinta dal fortunato #7 e dalle grafiche del nuovo main sponsor Monster Energy, si erano alzate notevolmente, costringendo i piloti dell’equipaggio (il rodato trio composto da Gwen Giabbani, Igor Jerman e Steve Martin) di abbassare il ritmo per non prendersi rischi inutili. Purtroppo non c’è stato nulla da fare, con il ritiro arrivato proprio al termine della nottata quando YART stava lottando con BMW Motorrad France 99 per la terza posizione alle spalle di Suzuki SERT e Kawasaki SRC.

Senza alcun preavviso la temperatura dell’acqua era salita a livelli pericolosi e per questo siamo stati costretti a rallentare preferendo concentrarci sulla lotta per la terza posizione“, ha spiegato Mandy Kainz, team manager Monster Yamaha YART. “Di certo iniziare la stagione con un ritiro non è proprio il massimo, ma l’aspetto positivo è che in termini di velocità ci siamo confermati tra i top-team del mondiale Endurance: continuiamo a credere nelle nostre possibilità di conquistare il titolo“. Monster Yamaha YART lavorerà in queste settimane per prepararsi al meglio alla 8 ore di Albacete, prossimo evento in calendario in programma per il 21 maggio.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Bradley Smith: “Non capisco le scelte della Direzione Gara”

Moto2, Enea Bastianini: “Alla fine la gomma era al limite”

Moto3, Catalunya: Paolo Simoncelli “Una gara di autoscontri”