Dani Pedrosa prova le moto storiche che guiderà al Goodwood Revival

Dani Pedrosa in questi giorni ha girato a Calafat con una Paton ed una Norton degli anni '60. Il pilota si prepara per il Goodwood Revival a settembre.

22 luglio 2019 - 12:20

A settembre Dani Pedrosa parteciperà al Goodwood Revival, festival storico con macchine e moto d’epoca (ne avevamo parlato qui). In questi giorni ha avuto l’opportunità di provare le moto che dovrà guidare nel corso di questo evento, un primo assaggio per prendere confidenza con mezzi decisamente diversi da quelli a cui è abituato. Il Circuito di Calafat ha ospitato il pilota catalano, apparso in azione su una Paton ed una Norton degli anni ’60, una gran differenza per esempio con la KTM con cui ha appena concluso dei test privati.

L’ex alfiere HRC appare particolarmente elettrizzato all’idea di prendere parte a questa nuova esperienza. “Mi hanno detto che gli amanti delle moto classiche arrivano anche a vestirsi d’epoca” ha dichiarato Dani Pedrosa a formulamoto.es subito dopo le prove in pista. “Lo farò anche io! Spero di non stonare…” Parla poi delle moto con cui ha girato a Calafat, ovvero una Paton 500 bicilindrica del 1967 ed una Norton Manx 500 monocilindrica del 1962: “Sono davvero diverse da guidare. Anzi, direi all’opposto, soprattutto nelle zone tortuose e nelle curve lente.”

“Con la Paton ho qualche difficoltà nell’entrata in curva con la giusta marcia, mantenendo così un buon passo. È quasi come guidare una due tempi, devi essere molto preciso. Con la Norton invece è tutto più facile, anche perché si adatta meglio a questa pista.” Ne spiega poi alcune differenze: “Rispetto alle moto attuali, hanno i freni a tamburo. Il cambio poi è sul lato destro, per me qualcosa di completamente nuovo, quindi devo concentrarmi per non fare errori. È davvero interessante vedere come guidavano una volta.”

Oltre a queste novità, Pedrosa conoscerà anche una nuova pista, quella di Goodwood, che finora non ha mai avuto l’occasione di provare. “Dicono che è un tracciato molto veloce e non hai molto tempo per impararla. Spero che faccia bel tempo, così posso realizzare un buon numero di giri. Mi auguro anche che la moto vada bene nel corso di quei giorni.” Con un obiettivo, espresso con un largo sorriso: divertirsi e godersi questa nuova esperienza.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi pronto per l’endurance: “Ci siamo divertiti da bestia”

Valentino Rossi ad Abu Dhabi

Valentino Rossi sul podio della 12 Ore del Golfo: 1° nella categoria Pro Am

Valentino Rossi 6° nella prima manche della 12 Ore del Golfo