CIV Misano: Tonucci, Polita, Dionisi, Massei e Colucci in pole

18 settembre 2010 - 13:24

Non è la prima volta in questa stagione del Campionato Italiano Velocità che il maltempo ha condizionato l’andamento delle sessioni di prova, specialmente nel sabato di qualifica. E’ accaduto lo stesso quest’oggi sul circuito di Misano, per il quinto round, vista la pioggia che ha cominciato ad imperversare sul tracciato al termine delle sessioni della mattinata. Come accade in questi casi dunque, i risultati della prima metà di giornata sono fondamentali per quella che sarà la distribuzione in griglia dei piloti in vista delle gare domenicali.

Per quanto concerne la classe 125 GP, la pole position è andata al pilota Junior GP Racing Dream Alessandro Tonucci, autore di un miglior tempo di 1’46.083, seguito a ruota dal ceco Miroslav Popov (Ellegi Racing), e da Niccolò Antonelli (Gabrielli Racing Team). Popov, che è leader della classifica di categoria, è stato inoltre vittima di una caduta senza conseguenze, rimediata nel corso del turno pomeridiano, disputato come detto su asfalto bagnato.

A seguire troviamo Armando Pontone (Junior GP Racing Deam), che precede Francesco Mauriello (Matteoni Racing) e il compagno di team Giuseppe Bonati. In settima posizione si piazza Alessandro Giorgi (VTF Racing), davanti al faentino Mattia Tarozzi (Faenza Racing), al rientrante Luigi Morciano (Junior GP Racing Dream) e al secondo pilota Ellegi Racing Romano Fenati.

Nella Superbike, invece, l’autore della pole è risultato il leader della classifica Alex Polita (Ducati Barni Racing), grazie ad un crono di 1’36.724, che ha preceduto di 310 millesimi il pilota Aprilia Gabrielli Michelin RT Federico Sandi, e di 423 il sempre in palla Danilo Petrucci (Kawasaki Pedercini). Anche lo jesino è stato autore di una scivolata nel pomeriggio, per fortuna senza conseguenze.

Quarto classificato è Luca Conforti (Ducati Barni Racing), che precede il terzo pilota del team bergamasco Stefano Cruciani, quest’ultimo ancora ampiamente in lotta per il titolo finale. Termina in sesta piazza Alessio Aldrovandi (Suzuki Penta Race), davanti a Flavio Gentile (Ducati Althea Racing), al detentore del titolo di categoria Norino Brignola (Honda Nuova M2) e a Fabrizio Lai (Honda Echo CRS), il quale ha preso il posto di Broc Parkes nel mondiale Superbike con il medesimo team.

Nessuna modifica dell’ordine di partenza rispetto alla mattinata anche per la Supersport 600, che ha visto Ilario Dionisi (Honda Scuderia Improve) accaparrarsi la prima casella, facendo segnare un buon 1’39.447, e che spera quindi di poter ripetere il successo ottenuto nella gara di esordio quest’anno a Vallelunga.

Il centauro romano ha fatto meglio di Mirko Giansanti (Triumph Padova Motocorse), di Roberto Tamburini (Yamaha Bike Service Racing Team), di Alessio Velini (Yamaha Velini Racing) e del duo Kawasaki Puccetti Racing, con in ordine Alessio Palumbo e Cristiano Migliorati. Soltanto ottavo il capo classifica Ferruccio Lamborghini (Yamaha Media Action by Prorace), il quale quindi dovrà adoperarsi nella consueta gara in rimonta prima di correre dal 3 ottobre nel mondiale Moto2 con la Moriwaki del team Matteoni.

Unica classe che ha potuto beneficiare di qualche modifica di classifica nel secondo turno di qualifiche è stata la Stock 600, che ha potuto disputare il turno su un tracciato quasi completamente asciutto. Nonostante la pole position sia rimasta quella del dominatore della stagione, ovvero Fabio Massei (Yamaha Piellemoto), seguito da Tommaso Lorenzetti (Yamaha Team Riviera FCC) e Dino Lombardi (Yamaha Martini Corse) il quarto e quinto classificati, Lorenzo Zanetti (TNT Racing) e Simone Sancioni, entrambi su Yamaha, sono stati in grado di migliorare i riferimenti cronometrici, con il bresciano che è riuscito addirittura a risalire di cinque posizioni, mentre il romagnolo soltanto di una.

Sesto è Luca Vitali (Yamaha Media Action by Prorace), davanti al giovanissimo napoletano Riccardo Russo (Yamaha Bike e Motoracing), a Federico Dittadi (Yamaha Team Riviera FCC) e a Davide Fanelli (Honda Allservice System By QDP).

Purtroppo per i piloti della Stock 1000, la pioggia è tornata più forte di prima, poco dopo l’inizio della seconda sessione di qualifiche per questa categoria. Tutti di nuovo dentro ai box e la classifica è rimasta immutata, con Domenico Colucci (Ducati Barni Racing) in pole, col tempo di 1’39.065, seguito dal leader Ivan Goi (Aprilia Ecodem), da Lorenzo Alfonsi (BMW Kuja Racing) e da Michele Magnoni su Honda.

Quinto classificato è Luca Verdini (Honda Emmebi Team), che ha preceduto al termine Marco Muzio (Honda Scuderia Improve), Riccardo Della Ceca (Yamaha Team Rosso e Nero), Danilo Dell’Omo (Suzuki Suriano Racing), Andrea Boscoscuro (Honda All Service System By QDP) e l’australiano Chris Seaton (KTM HF Racing by Lovato’s bike), quest’ultimo autore di una scivolata in mattinata.

Valerio Piccini

Servizio Fotografico: Antonio Inglese – Inglishphoto.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Superbike: Tom Sykes avrà una BMW con otto cavalli in più

Superbike: Alvaro Bautista scopre Imola “La pioggia? Non ho paura”

MotoGP: Aprilia con lo spoiler già a Jerez?