CIV Misano: il resoconto della giornata di prove del venerdì

17 settembre 2010 - 13:46

La prima giornata del week-end di Misano targato Campionato Italiano Velocità (tappa in sostituzione di quella che si doveva disputare ad Imola), ha visto il cielo sopra il circuito romagnolo sempre coperto da nuvole, che hanno presagito il peggio. Nonostante questo, tutte le sessioni pomeridiane si sono disputate su pista asciutta mostrando, grazie anche ad i riferimenti ottenuti nel round di inizio Luglio, un alto livello di competitività tra i vari piloti in pista.

125GP: Tonucci ottiene il miglior crono, buono il ritorno di Morciano

Sulla pista asciutta del pomeriggio, seguente ad una mattinata bagnata, il pilota Junior GP Racing Dream Alessandro Tonucci ha ottenuto il miglior riferimento nel secondo turno di prove libere della classe 125 GP, grazie ad un tempo di 1’47.671. Il pilota marchigiano ha preceduto al termine il compagno di team Armando Pontone e il leader del campionato Miroslav Popov (Ellegi Racing), con quest’ultimo che al “Santamonica” ha la più che concreta possibilità di ottenere il titolo. Quarto classificato è Niccolò Antonelli (Gabrielli Racing Team), davanti al velocissimo giapponese Hiroki Ono (pilota Rumi 125GP team) e al rientrante Luigi Morciano, pilota costretto a saltare gli scorso round del Mugello e Misano a causa di un brutto infortunio, rimediato sul tracciato toscano nella gara del mondiale 125cc, disputata come wild-card. Chiudono i primi dieci Manuel Tatasciore (Junior GP Racing Dream, che di Morciano era stato il sostituto, poi riconfermato), Davide Stirpe (Honda CRP Racing), Tommaso Gabrielli (Gabrielli Racing Team) e il faentino Marco Faccani su Honda.

Superbike: Cruciani comanda, seguito da Conforti e Petrucci

La classe regina del Campionato Italiano Velocità, la Superbike, ha visto nella seconda sessione di libere il miglior crono per il pilota di Macerata Stefano Cruciani (Barni Racing Team), autore di un best lap di 1’38.174, di 163 più veloce rispetto a quello del secondo classificato, il compagno di squadra Luca Conforti. Terzo al termine è l’umbro Danilo Petrucci, molto in forma per tutto il turno in sella alla Kawasaki ZX-10R Pedercini, team col quale corre anche nella FIM Superstock 1000 Cup. A seguire troviamo il giovane Federico Sandi in sella alla Aprilia Gabrielli Michelin Racing, seguito da Flavio Gentile (Ducati Althea Racing) e dal leader del campionato Alex Polita, fermato a 8 minuti dalla fine da un problema tecnico alla sua 1198 Barni Racing. Il pilota marchigiano precede Alessio Aldrovandi (Suzuki Penta Race), il campione in carica Norino Brignola (Honda Nuova M2), Davide Caselli (BMW Franciacorta Corse) e Giovanni Baggi (Ducati Grandi Corse).

Supersport: Roberto Tamburini fa meglio di Dionisi e Ciavattini, indietro Lamborghini

Il pilota romagnolo Roberto Tamburini mostra tutto il suo talento, nonostante il recupero non ancora completo dall’infortunio rimediato a Silverstone in occasione del round FIM Superstock 1000 Cup, terminando al primo posto il turno di libere pomeridiano sul circuito di Misano. L’alfiere del team Bike Service Racing, secondo in classifica piloti a soli dieci punti dalla vetta, grazie ad un tempo di 1’39.851, ha rifilato più di mezzo secondo a Ilario Dionisi (Honda Scuderia Improve) e quasi un secondo a Diego Ciavattini, terzo classificato.
Scorrendo la classifica troviamo in quarta posizione Alessio Velini (Velini Racing) e Giuseppe Barone, entrambi su Yamaha, che precedono Cristiano Migliorati su Kawasaki Puccetti Racing, Mirko Giansanti (Triumph Padova Motocorse), Alessio Palumbo (Kawasaki Puccetti Racing), Gianluca Vizziello (Honda Velmotor 2000) e Cristiano Erbacci (Yamaha TNT Racing). Soltanto undicesimo Ferruccio Lamborghini (Yamaha Media Action by Prorace), con quest’ultimo che era risultato il più rapido nella sessione mattutina, disputata su pista bagnata.

Superstock 600: miglior tempo per Luca Vitali, seguito Lorenzo Zanetti e Davide Fanelli

Il team Yamaha Media Action by Prorace si ritrova con il suo pilota Luca Vitali al top della classifica, a conclusione del secondo turno di prove libere del venerdì. Il 18enne riminese ha preceduto il bresciano Lorenzo Zanetti (Yamaha TNT Racing, sfortunato protagonista dell’ultima prova in ordine di tempo della Stock 1000 al Nurburgring), e il marchigiano Davide Fanelli (Honda Allservice System by QDP), il quale più di due mesi fa finse la gara di categoria proprio sul circuito romagnolo.
Quarto in classifica è un altro pilota di casa, Simone Sancioni su Yamaha, seguito da Marco Marcheluzzo (Honda New Magic Moda), da Federico Monti su Yamaha e da Raffaele Vargas (Honda Gomme&Service). All’ottavo posto si piazza il talentuoso argentino Leandro Mercado, in sella alla Kawasaki BWG Racing. Non classificato il leader del campionato Fabio Massei (Yamaha Piellemoto) il quale, a differenza di tante occasioni quest’anno, è sceso in pista in questo venerdì di prove compiendo dieci tornate nel pomeriggio.
La sessione è stata sopesa a pochi secondi dal termine, a causa della caduta di cui è stato vittima Roberto Farinelli, pilota del team Gomme&Service.

Superstock 1000:Colucci conclude al top, alle sue spalle Ivan Goi e Michele Magnoni

L’ultima sessione di giornata per ciò che concerne le categorie multi-marca, la Stock 1000, ha visto primeggiare il pilota Ducati Barni Racing Domenico Colucci, primo con un crono di 1’38.845. Il 21enne di Matera, è stato in grado di rifilare ben 671 millesimi al secondo classificato, ovvero il leader di categoria Ivan Goi (Aprilia Ecodem Racing), mentre Michele Magnoni è terzo a 920 millesimi dalla vetta.
In quarta posizione troviamo il toscano Lorenzo Alfonsi con la BMW Kuja Racing, che precede Luca Verdini (Honda Emmebi Team), Marco Muzio (Honda Scuderia Improve) e Riccardo Della Ceca (Yamaha Team Rosso e Nero). Buon nono posto per l’australiano Chris Seaton, che rimpiazza il connazionale Russell Holland in sella alla KTM HF Racing by Lovato’s Bike e precede il nostro Matteo Baiocco, pilota Kawasaki Pedercini (team col quale partecipa attivamente al mondiale Superbike).

Valerio Piccini

Servizio Fotografico: Antonio Inglese – Inglishphoto.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Eddi La Marra:”Il Mugello non mi piace, ma voglio restare leader”

MotoGP, Sylvain Guintoli: “Ad Austin vittoria di squadra”

MotoGP, Jorge Lorenzo all’assalto di Jerez… con gli scongiuri