CIV: la stagione 2011, classe Superstock 600

9 gennaio 2012 - 5:20

La classe dei giovani, tra le più combattute e spettacolari del Campionato Italiano Velocità. Al terzo anno di vita la Superstock 600 ha rispettato le attese proponendo giovani talenti ai vertici della classifica, tre dei quali in lotta per il titolo. Dino Lombardi, Riccardo Russo e Vladimir Leonov, in rigoroso ordine di classifica, sono stati i grandi protagonisti della Stock 600 tricolore, dando vita ad un acceso confronto deciso soltanto con la finalissima all’Autodromo Internazionale del Mugello disputatasi lo scorso mese di ottobre. Dino Lombardi, 21 anni da Benevento, con tre vittorie all’attivo si è aggiudicato il “casco tricolore” in sella alla Yamaha YZF R6 preparata dal Martini Corse, dando seguito a queste prestazioni anche in campo europeo con il 3° posto assoluto in classifica del 2010 e la vittoria conseguita a Brno lo scorso anno. Il pilota campano, dai trascorsi nel mondiale 125cc, è rimasto ai comandi della classifica sin dalla seconda prova di Monza guadagnandosi con pieno merito un posto nel Mondiale Supersport 2012 con la stessa squadra (Martini Corse) e legittime ambizioni da top-10. Non solo Lombardi ha tenuto alto il tricolore nella Stock 600: Riccardo Russo, portabandiera del Team Italia e schierato dal Team Trasimeno, ha iniziato il 2011 col botto (autorevole vittoria a Misano) restando in corsa per l’obiettivo finale nonostante qualche battuta d’arresto (Monza, Misano 2) nel proprio cammino. L’ex campione della Yamaha R6 Cup proprio al Mugello si è laureato “runner-up” della stagione, sfruttando la disavventura di un coriaceo Vladimir Leonov, sorpresa e/o rivelazione del campionato. Il pilota russo, due anni nel Motomondiale tra 250 e Moto2, ha conquistato tre vittorie ben figurando oltretutto nella wild card di Portimao nel Mondiale Supersport sempre con una Yamaha del Yakhnich Motorsport, ponendo le basi per stupire ancora nel 2012.

Con il terzetto Lombardi-Russo-Leonov a contendersi il campionato, la Superstock 600 nel ccorso della stagione non ha mancato di proporre ai vertici talenti decisi a confermarsi nell’anno nuovo: Nicola Morrentino, con la vittoria di Monza a seguito della squalifica di Federico Monti (altra “sorpresa” del 2011), ha concluso al quarto posto davanti alla promettente coppia del Forward Racing Junior Team composta da Luca Vitali (convincente podio a Misano) e Franco Morbidelli (strepitosa prestazione a Vallelunga), figli d’arte destinati ad una carriera di soddisfazioni nel motociclismo italiano ed internazionale. Menzione meritata anche per Giuliano Gregorini nonostante l’undicesimo posto in classifica, ma con una vittoria “europea” da wild card a Misano all’attivo su Yamaha RCGM. Nella top-10 di campionato non mancano anche Federico Dittadi (Team Riviera FCC) ed un ex-protagonista dell’AMA SuperSport quale Joey Pascarella, capace con il team Elle2 Ciatti di salire sul podio a Misano, il tutto alla stagione d’esordio nel vecchio continente. Attesi ad un 2012 da protagonista invece Christian Gamarino (riconfermato con Kawasaki GoEleven) e Francesco Cocco (sempre su Yamaha Martini Corse), per una Superstock 600 che seguirà il “format” monogomma (Pirelli) e under-25, con il chiaro intento di metter in mostra il potenziale velocistico del nostro “vivaio”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Superbike: L’arrivo di Ten Kate farà saltare il banco in Yamaha?

Eugene Laverty: “Bitubo è il nostro asso nella manica”

MotoGP: Danilo Petrucci lavora sull’ergonomia, ma la sella ‘scotta’