CIV: la stagione 2011, classe Supersport

1 gennaio 2012 - 22:35

La stagione 2011 del CIV Supersport ha offerto uno spettacolare duello per la conquista del casco tricolore tra due “specialisti” della categoria: da una parte Ilario Dionisi, nuovamente ai nastri di partenza del CIV con la Honda CBR 600RR della Scuderia Improve, dall’altra il Campione in carica Roberto Tamburini, determinato a difendere la tabella #1 conquistata nel 2010, sempre ai comandi della Yamaha YZF R6 ottimamente preparata dal Bike Service Racing Team. Un confronto acceso che ha caratterizzato la contesa: i due protagonisti della 600 Supersport si sono spartiti le vittorie in tutti i round disputati, eccezion fatta per la “finale” del Mugello con l’affermazione assoluta di Alessandro Andreozzi (con la FTR Moto2) e di classe da parte di Stefano Cruciani. Complice l’assenza forzata nel primo round di “Tambu” per il regolamento vigente in materia di “test track” del mondiale di categoria, Ilario Dionisi ha inaugurato la stagione 2011 con una vittoria senza discussioni a Misano Adriatico, riuscendo a ripetersi nelle successive due prove di Monza e sempre sull’ex circuito Santamonica. Tre su tre, ben 55 punti di vantaggio sul diretto rivale, ma a cominciare dalla “doppia” del Mugello è arrivata la svolta. Tra eccellenti performance nel mondiale, Roberto Tamburini ha vissuto un’estate da indiscusso protagonista in ambito tricolore con 4 vittorie di fila, portandosi a -11 da Dionisi in vista dell’ultima prova di Mugello. Soltanto una “leggerezza”, un errore di valutazione sui giri restanti della decisiva gara ha costretto la giovane stella del motociclistico italiano a cedere il testimone a Ilario Dionisi, senza dubbio meritevole della conquista del primo titolo CIV in carriera.

Con Dionisi e Tamburini a confronto per la vittoria, per gli avversari è rimasto il terzo posto in classifica con Alessio Velini (Honda Velmotor by X-One) abile a centrare l’obiettivo per un solo punticino su Mirko Giansanti (Kawasaki Puccetti Racing), 3 su Stefano Cruciani come detto vincitore tra le 600 SS dell’ultima tappa al Mugello. La stagione 2011 ha proposto nelle posizioni che contano anche Alessio Palumbo (Honda Velmotor by X-One), Fabio Menghi (Yamaha del VFT Racing) più volti noti del motociclismo italiano come Cristiano Erbacci e Alessandro Gramigni, senza scordarci di Massimo Roccoli, in corsa per la vittoria nelle wild card di Misano Adriatico con la Kawasaki del Lorenzini by Leoni.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Yuichi Takeda

Il ritorno di Yuichi Takeda: in Superbike è ancora recordman

Valentino Rossi GT3

Valentino Rossi debutterà a Imola: il calendario 2022 del Fanatec GT WCE

Valentino Rossi Audi

Valentino Rossi ufficiale con Audi: “Pronto per progetti di alto livello”