CIV Imola, Gara 1: Acuto di Lorenzo Zanetti in Superbike

Lorenzo Zanetti batte Michele Pirro e conquista la vittoria nella prima gara del CIV Superbike a Imola. In Supersport vince Kevin Manfredi.

23 giugno 2018 - 16:17

Si è interrotta la striscia di vittorie consecutive di Michele Pirro nel CIV Superbike 2018. Vincitore delle gare di Misano e Mugello, a Imola il tester Ducati MotoGP è stato battuto in Gara 1 da un nuovamente competitivo Lorenzo Zanetti, alla sua prima affermazione stagionale. Il pilota della Ducati n. 87 è riuscito a vincere nonostante un piccolo problema tecnico al quinto giro e questo gli ha permesso di interrompere un digiuno che durava dal 23 settembre 2017 (quando vinse Gara 1 al Mugello).

Nelle altre categorie vittorie di Kevin Manfredi (Supersport 600), Stefano Nepa (Moto3), Thomas Brianti (Supersport 300), Collin Veijer (PreMoto3 250 4T) e Jacopo Adriano Hosciuc (PreMoto3 125 2T). Ecco com’è andata nel dettaglio.

SUPERBIKE – Nella SBK Lorenzo Zanetti si è portato a casa la sua prima vittoria stagionale. Il bresciano ne aveva di più rispetto agli altri, ma non è stato affatto facile vincere: portatosi in testa all’inizio del quarto giro superando Pirro, è poi finito in terza posizione al giro successivo per un piccolo problema tecnico. Sbarazzatosi di Samuele Cavalieri, Zanetti si è subito rimesso all’inseguimento di Michele Pirro, per poi superarlo al Tamburello a pochi giri dal termine. Da lì l’alfiere Ducati Motocorsa Racing ha allungato costantemente sul tester Ducati MotoGP, fino a vincere con quasi un secondo e mezzo di vantaggio. Il podio è stato completato da Matteo Ferrari, terzo dopo aver superato all’ultimo giro Cavalieri. Quest’ultimo, quarto a completare il filotto di tre Ducati del Barni Racing Team, ha preceduto l’altra Ducati di Riccardo Russo (5° in rimonta alla prima col team Motocorsa) e un Luca Vitali calato vistosamente dopo una metà di gara tra i migliori. Claudio Corti, Christian Gamarino, Axel Bassani (nono dopo una caduta alla Variante Bassa nel finale) e Alex Bernardi hanno completato la top 10. Fuori dopo un inizio da protagonista Alessandro Delbianco, fermato da un problema tecnico dopo pochi giri, mentre tra i protagonisti si sono ritirati anche Kevin Calia (problema tecnico) e Alessandro Andreozzi (caduto)

SUPERSPORT 600 – La prima gara della SS600 è stata vinta da Kevin Manfredi, che si è imposto al termine di una gara combattutissima in puro stile CIV Supersport. Scattato dalla pole position, l’alfiere del team Yamaha Rosso e Nero ha lottato subito dopo la partenza con Massimo Roccoli (Yamaha GAS Racing Team), per poi superarlo durante il primo giro. Successivamente i due hanno formato un quartetto di testa insieme a Marco Bussolotti (Yamaha Rossocorsa Edard) e Davide Stirpe (MV Agusta Extreme Racing Service BARDAHL), il tutto mentre finivano a terra protagonisti della categoria quali Noriyuki Haga e Roberto Mercandelli. I quattro piloti davanti a tutti (diventati cinque nel finale col rientro di Stefano Valtulini) si sono dati battaglia fino alla fine. All’ultimo giro Roccoli si è portato in testa superando Manfredi, ma proprio quando la vittoria sembrava nelle sue mani è arrivato il colpo di scena finale: il cinque volte Campione Italiano Supersport è stato protagonista di un lungo alla Rivazza a poche curve dalla bandiera a scacchi e questo ha spianato la strada a Manfredi e Bussolotti, che hanno poi tagliato il traguardo in prima e seconda posizione davanti a Roccoli. Quarto e quinto posto per Stirpe (che rimane in testa al campionato con 90 punti contro gli 84 di Manfredi) e Valtulini, mentre a chiudere la top 10 troviamo Luca Ottaviani, Mattia Casadei, Lorenzo Gabellini, Marco Muzio e Michel Fabrizio, quest’ultimo 10° dopo essere stato tra i primissimi nelle fasi iniziali.

MOTO3 – La prima gara della Moto3 è stata un monologo di Stefano Nepa. Il pilota abruzzese ha mantenuto la prima posizione grazie a un’ottima partenza e fin da subito ha inanellato una serie di giri veloci sul passo dell’1’58. alto, insostenibile per tutti i suoi avversari. Alla fine il portacolori del proprio NRT Junior Team ha tagliato il traguardo con sette secondi di vantaggio, cogliendo così la sua seconda vittoria stagionale dopo quella di Gara 1 al Mugello. Dietro di lui, la seconda posizione è stata un affare tra Edoardo Sintoni (KTM Pro Racing Team) e Kevin Zannoni (TM Factory Racing 3570 MTA), che hanno battagliato ininterrottamente da metà gara in avanti, con tanto di sportellata sul rettilineo all’inizio del penultimo giro. Alla fine a spuntarla è stato Zannoni per soli due centesimi su Sintoni e questo risultato ha permesso a Zannoni di diventare il nuovo leader del campionato a scapito di Nicholas Spinelli, 5° dopo non essere mai stato della partita per il podio. Il pilota del Gresini Racing Junior Team ha chiuso dietro a Nicola Fabio Carraro (4° con la Mahindra del Team Minimoto Portomaggiore) e davanti a un Raffaele Fusco (TM Gradara Corse) quarto al traguardo, ma penalizzato per un taglio alla Variante Bassa all’ultimo giro. Lorenzo Bartalesi, Leonardo Taccini, Davide Baldini e Anthony Groppi chiudono la top 10.

SUPERSPORT 300 – La prima gara della Supersport 300 a Imola è stata vinta, come ampiamente pronosticabile, da Thomas Brianti. Il pilota del team KTM Runner Bike ha imposto il suo ritmo fin dalla partenza, quando ha mantenuto la leadership davanti a Marc Luna Bayén (Kawasaki CM Racing). Il pilota spagnolo ha cercato di tenere il passo di Brianti, ma il ragazzo di Parma ha girato costantemente sul 2’07 alto e il 2’08 basso, tenendo un passo ineguagliabile che, alla fine, ha costretto Luna Bayén ad accontentarsi della seconda posizione. Dietro ai primi due Kevin Sabatucci (Yamaha ProGP) ha completato il podio dopo un bel duello con Manuel Bastianelli (Kawasaki PRODINA IRCOS), mentre Kevin Arduini si è preso la quinta posizione battendo Nicola Bernabè per soli sei (!) millesimi. Chiudono la top 10 Jacopo Facco, Luca Bernardi, lo svizzero Lee Doti e Omar Bonoli. Tante le cadute, tra cui uno spettacolare highside di Gabriele Esposito a inizio gara e una caduta alla Tosa che ha coinvolto Leonardo Carnevali e Marco Carusi. In campionato Thomas Brianti raggiunge quota 100 punti e consolida la leadership davanti a Kevin Sabatucci (84).

PREMOTO3 – Nella PreMoto3 250 4T prima vittoria stagionale per l’olandese Collin Veijer. Rimasto in testa dopo un ottima partenza dalla pole, l’olandese della Speed Up ha iniziato a spingere forte già nelle prime fasi, andando poi a formare un gruppo di testa coi piloti RMU Filippo Maria Palazzi, Alessandro Morosi e Mattia Rato (i primi due Full Moto Squadra Corse, l’ultimo Pasini Racing). I quattro si sono scambiati le posizioni senza interruzione, anche se Veijer ha dato l’impressione di averne di più, e la battaglia ha raggiunto il proprio apice nel finale: mentre Rato perdeva terreno dopo essere stato ostacolato da un doppiato, la battaglia tra Veijer, Morosi e Palazzi si è accesa sempre di più fino a uno spettacolare ultimo giro, che alla fine ha visto Veijer vincere davanti a Morosi e Palazzi. Quarto posto finale per Mattia Rato, mentre Matteo Boncinelli ha chiuso quinto davanti alle 2 Wheels PoliTo di Nikolas Marfurt e Alberto Surra (che rimane leader della 250 4T nonostante il settimo posto finale). Nella 125 2T Jacopo Adriano Hosciuc ha vinto la battaglia con Mirko Gennai per la vittoria di categoria, nonché per la quindicesima posizione finale, mentre il poleman Filippo Bianchi è stato fermato da un problema tecnico.

Photo Credit: Marco Lanfranchi

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

jeremy alcoba campione cev moto3

CEV Valencia: Alcoba Campione Junior, Montella a podio in Moto2

EICMA: Presentato il progetto 2020 della Nannelli Riders Academy 

davide pizzoli cev moto3

CEV, Valencia: Pole di Pizzoli in Moto3, Marcon prima fila in Moto2