CEV Moto2 Portimao Gara 1: prima vittoria di Florian Alt

Tanti colpi di scena in Gara 1

2 novembre 2014 - 11:23

Emozioni offerte da numerosi colpi di scena hanno caratterizzato la prima gara del CEV Moto2 all’Autódromo Internacional do Algarve di Portimão, teatro del penultimo appuntamento stagionale. In sella alla KALEX del Team Stylobike il 18enne Florian Alt, laureatosi nel 2012 Campione della Red Bull MotoGP Rookies Cup e futuro portacolori Iodaracing Project nel Mondiale di categoria, si è assicurato la prima vittoria nella ‘middle class‘ del FIM CEV Repsol International Championship accorciando da 32 a 20 le lunghezze di svantaggio dal capoclassifica di campionato Jesko Raffin, soltanto quarto al traguardo a quasi 20″ dal rivale, oggettivamente mai in corsa per la vittoria. Qualificatosi in prima fila, il talentuoso pilota tedesco supportato dalla Red Bull sin dalle prime fasi di gara si è trovato a confronto per la leadership con il poleman Xavi Vierge (recente vincitore di Gara 1 al Circuito de Navarra con la Tech 3 del TargoBank Motorsport), Edgar Pons ed uno scatenato Steven Odendaal. Proprio il sudafricano, quest’anno al via del CEV dopo una stagione mondiale vissuta sempre con l’Argiñano & Ginés Racing Team, sembrava in predicato di assicurarsi una splendida vittoria dopo una serie di sorpassi da rimarcare su Pons e lo stesso Alt nel corso dell’undicesimo giro, il tutto prima di incappare in un inconveniente più unico che raro. A tre tornate dell’AIA dal termine, all’uscita della ‘Sagres’ il sottocarena della propria Speed Up si è sganciato (collassato) obbligando così l’ex campione sudafricano Supersport al ritiro lasciando campo aperto alla prima affermazione nel CEV Moto2 di Florian Alt, la quarta stagionale conteggiando le tre vittorie da wild card nell’IDM Supersport con una Yamaha R6 del Freudenberg Racing Team. In virtù di questo successo conseguito davanti al poleman Xavi Vierge (2°, battuto soltanto in volata) ed Edgar Pons (3° su Pons KALEX, a tratti in testa), Alt riduce a 20 punti (con 50 ancora in palio) lo svantaggio da Jesko Raffin, mai in gara tanto da concludere 4° e staccatissimo dai pretendenti alla vittoria. Il giovane pilota elvetico proverà a rifarsi in Gara 2 insieme ai nostri portabandiera, davvero sfortunati dopo prove da protagonisti.

Scattato dalla seconda fila dopo l’ottimo sesto crono siglato nelle qualifiche ufficiali, Federico Fuligni con la Suter MMX2 del Team Ciatti si è ritrovato a terra dopo poche curve, evitato di un soffio dagli altri piloti. Non è andata meglio a Luca Vitali: 7° in griglia, con la Ariane2 del Team Stratos a lungo si è giocato la quinta posizione salvo vedersi costretto al ritiro per un problema al parafango anteriore che toccava con lo pneumatico. Amaro epilogo di Gara 1 per gli italiani del CEV Moto2, buona prova per Miroslav Popov che porta la Suter MMX2 del Montaze Broz Racing Team al 5° posto davanti all’ex protagonista della Rookies Cup Lukas Trautmann (6° all’esordio con la AJR del team H43 di Manuel Hernandez), Russell Gomez (7° su Ariane2 del Team Stratos) con Bastien Chesaux (Suter Cardelus-BST), Miguel Poyatos (Suter GRT Aspar) e Miquel Pons (Inmotec dVRacing) a completare la top-10. Fuori al nono giro invece Dakota Mamola, a terra per un contatto al via con Alejandro Medina (ripartito ha concluso 12°) un candidato al podio come Alan Techer, pronto a rifarsi alle 14:00 locali con il via di Gara 1. Cronaca di Gara Per la prima volta in carriera tra le Moto2 il 17enne Xavi Vierge, già vincitore di Gara 1 al Circuito de Navarra, scatta dalla pole con la Tech 3 Mistral 610 #97 del TargoBank CNS Motorsport affiancato in prima fila da Edgar Pons e Florian Alt, dalla seconda scatta il nostro Federico Fuligni (6°), apre la terza Luca Vitali (7°) con il capoclassifica di campionato Jesko Raffin che prende il via dall’ottava casella, potenzialmente in grado oggi di giocarsi il primo ‘match point’ campionato. Condizioni climatiche ottimali accolgono i protagonisti della ‘middle class’ allo spegnimento del semaforo con Edgar Pons che ha un brillante spunto, alla ‘Primeira’ si presenta davanti a Florian Alt, lo stesso Vierge, Odendaal e Raffin, non Alan Techer che si ritrova a terra, travolto senza colpe da Alejandro Medina. Sfortunatamente questi due non sono gli unici piloti fuori gioco nel corso del primo giro: all’uscita della ‘Lagos’ il nostro Federico Fuligni, scattato dalla sesta casella, si ritrova a terra con la propria Suter MMX2 che resta ferma in mezzo alla pista, evitato dagli altri concorrenti del CEV Moto2.

Senza ulteriori stravolgimenti di classifica va in archivio il primo dei 17 giri previsti con Edgar Pons leader su Florian Alt, Steven Odendaal e Xavi Vierge, a seguire più staccati Jesko Raffin e Luca Vitali, buon sesto con la prima Ariane2. In queste fasi iniziali della contesa il poker di testa formato da Pons, Alt, Odendaal e Vierge lascia a 2″5 il capoclassifica Raffin, sfrutta l’occasione l’ex Campione della Red Bull MotoGP Rookies Cup al quinto giro sopravanzando in pieno rettilineo, forte di una prodigiosa uscita dal curvone ‘Galp’, Pons per la leadership. Il futuro portacolori Iodaracing del Mondiale Moto2 prova a forzare il ritmo per far selezione tra sé ed i suoi più diretti inseguitori, Steven Odendaal commette così una sbavatura alla ‘Portimão’ finendo nelle vie di fuga in asfalto: ripartirà quarto, lasciando la terza piazza al poleman Xavi Vierge. Il tentativo di fuga di Florian Alt al 6° giro non soltanto non sortisce gli effetti sperati, ma alla ‘Sagres’ è costretto, complice un deciso attacco, a cedere nuovamente la prima posizione a Pons. I due ingaggiano un avvincente duello con il talentuoso pilota tedesco, complice una sbavatura del #57 alla ‘Torre Vip’, che si ripropone nuovamente in testa alla corsa. Al giro di boa della contesa vi sono così pertanto Alt, Pons, Odendaal e Vierge (scambio di posizioni tra i due all’ottavo giro) racchiusi in un fazzoletto, sconta 10″ di gap Jesko Raffin, più staccati a confronto per la quinta posizione Popov, Chesaux, il nostro Vitali, Trautmann, Gomez e Poyatos. Sfortunatamente proprio in questa circostanza inizia il calvario di Luca Vitali: al nono giro si stacca il parafango anteriore e, toccando con lo pneumatico, una tornata più tardi è costretto al ritiro. Fuori gioco i due nostri portabandiera, le emozioni non mancano nella corsa alla vittoria: in trance agonistica all’undicesimo giro Steven Odendaal sfiga Pons in fondo al rettilineo dei box ed in pieno curvone ‘Galp’ Alt per la leadership. Florian per un piccolo errore perde due posizioni riuscendo tuttavia prontamente a rifarsi su Pons alla staccata della 1, ingaggiando un duello con Vierge per la seconda piazza.

Questo confronto ed un doppiaggio di un pilota della classe Superstock 600 permette a Odendaal di allungare, ma al 15° giro un colpo di scena stravolge gli equilibri: all’uscita della ‘Sagres’ collassa il sottocarena della Speed Up #44 del sudafricano, costretto al ritiro lasciando così ad Alt e Vierge con Pons a 1″2 la lotta per il gradino più alto del podio. Nel concitato finale il portacolori del Team Stylobike non commette il minimo errore assicurandosi la prima affermazione in carriera nel CEV Moto2 davanti a Xavi Vierge ed Edgar Pons, Jesko Raffin quarto ha così più soltanto 20 punti di vantaggio aspettando Gara 2. FIM CEV Repsol International Championship 2014 CEV Moto2 Autódromo Internacional do Algarve di Portimão, Classifica Gara 1 01- Florian Alt – Stylobike Team Bohle Gruppe – KALEX Moto2 – 17 giri in 30’35.553 02- Xavi Vierge – TargoBank Motorsport – Tech 3 Mistral 610 – + 0.479 03- Edgar Pons – Pons Racing – KALEX Moto2 – + 2.891 04- Jesko Raffin – Pons Racing – KALEX Moto2 – + 19.772 05- Miroslav Popov – Montaze Broz Racing Team – Suter MMX2 – + 26.483 06- Lukas Trautmann – H43 Team Talasur – AJR Moto2 – + 27.767 07- Russell Gomez – Team Stratos – Ariane2 – + 28.137 08- Bastien Chesaux – Cardelus BST – Suter MMX2 – + 29.653 09- Miguel Poyatos – GRT Aspar Racing Team – Suter MMX2 – + 37.686 10- Miquel Pons – dVRacing Grup Pons – Inmotec Moto2 – + 37.830 11- Diego Perez – MR Griful Team – MVR M2 – + 42.445 12- Alejandro Medina – Team Stratos – Ariane2 – + 1’10.316 13- Corey Turner – Rock Oil Racing – FTR Moto M212 – + 1’13.886 14- Andres Gonzales – MR Griful Team – MVR M2 – + 1’23.668 15- Marc Buchner – H43 Team Talasur Blumaq – AJR Moto2 – + 1’34.472 16- Anton Eremin – Motorrika – FTR Moto M212 – a 3 giri Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoGP, Max Biaggi: “Valentino coraggioso, ha la mia ammirazione”

La 24 ore di Le Mans Moto 2019 in diretta TV su Eurosport 2

24h Le Mans: Honda in pole provvisoria, YART Yamaha 2°