BSB: Relentless Suzuki programma già la stagione 2011

Tra qualche incertezza si punta ad un doppio impegno

24 agosto 2010 - 3:22

Quest’anno il team Relentless Suzuki by TAS ha concretizzato un bel salto di qualità: Michael Laverty e Alastair Seeley hanno raccolto 1 vittoria a testa e sono attualmente nella top-6 valida per lo Showdown, a dimostrazione della professionalità della squadra ormai al top del BSB.

Per il 2011, tuttavia, potrebbe non esserci l’impegno nel British Superbike: una decisione che avrebbe, a dir poco, del clamoroso, ma effettivamente realistica. In un’intervista pubblicata nell’ultimo numero di MCN, Hector Neill (titolare del team Relentless Suzuki by TAS) ha chiarito che restano due punti da definire: budget e programmi Suzuki GB.

La volontà del TAS Racing è di proseguire nel BSB e nell’impegno nel Road Racing puntando a rafforzare la squadra, magari con l’innesto di qualche top-rider per le corse su strada (si parla con insistenza di Ian Hutchinson, dominatore del TT 2010). D’altro canto Suzuki GB potrebbe ridimensionare il budget per il BSB, affidandosi soltanto al team ufficiale Crescent Suzuki.

Per il team Relentless by TAS ci sarebbe l’opportunità di diventare team ufficiale Suzuki nel BSS sviluppando la nuova GSX-R 600, anche se Neill ha confermato di voler proseguire l’avventura in Superbike. Entro e non oltre il mese di settembre sarà presa una decisione in merito.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Ecco la Honda CBR 1000RRW HRC per la 8 ore di Suzuka 2019

Michael van der Mark operato a Rimini, ancora incerto il recupero

Michael Rinaldi avvcina il podio: Showa diventerà l’asso nella manica?