BSB: la situazione della classe “Evo” dopo Brands Hatch

Tripletta di Gowland e del Team WFR, Richards verso il titolo

10 agosto 2011 - 22:15

Nel weekend in cui è stata annunciata la promozione a “top class” del British Superbike per la stagione 2012, la classe “Evo” ha vissuto un fine settimana a senso unico in termini di risultati. Con Simon Andrews (ma anche Tom Tunstall e James Hillier, caduto rovinosamente nella giornata di venerdì) in infermeria, Graeme Gowland ha avuto vita facile conquistando tre vittorie nelle tre gare in programma con la Honda CBR 1000RR preparata dal Team WFR. L’ex pilota del team Motorpoint Yamaha, con trascorsi anche nel Mondiale Supersport, non ha incontrato avversari mostrando una sorprendente superiorità nei confronti dei diretti rivali, prendendosi anche il lusso in Gara 2 di tener testa a due piloti del calibro di Ryuichi Kiyonari (campione in carica su HM Plant Honda) e Broc Parkes (Kawasaki ufficiale del Mondiale Superbike) a conferma dello straordinario livello di competitività della classe “Evo”. Gowland, che proprio a Brands Hatch si era infortunato lo scorso mese di aprile perdendo anche i successi eventi di Oulton Park e Croft, non potrà rientrare nei giochi-campionato per una classifica che premia sempre più Glen Richards. L’australiano, già campione British Supersport e British Superstock 1000, ha concluso tre volte in seconda posizione ritrovandosi adesso con ben 70 punti di vantaggio su Barry Burrell (Buildbase BMW Motorrad): insomma, basterà vedere sempre il traguardo per succedere nell’albo d’oro a Steve Brogan…

Nel weekend di Brands Hatch il Team WFR ha inoltre messo a segno una strepitosa tripletta in Gara 3 con Graeme Gowland, Glen Richards e Jake Zemke (alla quarta prova nel BSB, già vincitore a Snetterton) nell’ordine a monopolizzare il podio, lasciando agli avversari soltanto le briciole. Patric Muff, portacolori del Tyco Racing e vice-campione del mondo Endurance in carica (ha corso con il Bolliger Team Switzerland), ha conquistato un terzo posto in Gara 1, mentre Scott Smart con la Ducati Moto Rapido non è andato oltre qualche piazzamento. Da segnalare nel fine settimana di Kent l’esordio del campione australiano Superbike 2008 (tuttora leader della classifica) Glenn Allerton, sostituto dell’infortunato Tom Tunstall al Doodson Motorsport, abile a sfiorare il podio in Gara 3 dopo una rovinosa caduta nell’ultima sessione di prove libere. Positivo anche il bilancio del nostro Matteo Mossa, che non soltanto è riuscito a qualificarsi per il secondo evento consecutivo, ma è riuscito con la Suzuki GSX-R 1000 del 777RR Motorsport a ottenere un 24° posto assoluto e 10° di categoria in Gara 2.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, sindrome compartimentale: Dovizioso e Rossi destini diversi

Marco Melandri, adesso hanno paura di lui?

Chaz Davies, crisi infinita: “Così è frustrante”