Tamada, Fujiwara, Koyama: l’esperienza al servizio dell’ARRC

Nell'ARRC diversi ex-piloti di successo sono ora pienamente operativi al muretto box di diverse squadre: da Makoto Tamada a Katsuaki Fujiwara, ma non solo...

25 marzo 2019 - 11:48

Per far crescere il movimento del motociclismo asiatico, l’esperienza di piloti affermatisi con successo a livello internazionale è indispensabile. Non è affatto un caso che nell’ARRC tanti piloti dai trascorsi nel Motomondiale e Superbike siano oggi operativi al muretto box. Il loro background agonistico rappresenta un tesoro inestimabile per giovani piloti del continente asiatico che vogliono emergere e, perché no, ripetere le gesta dei loro “mentori”.

TAMADA TEAM MANAGER HONDA

Congedatosi da diversi anni dall’attività agonistica, Makoto Tamada da qualche stagione a questa parte ha intrapreso una carriera da Team Manager di Honda Asia Dream Racing. Dapprima alla 8 ore di Suzuka, oggi anche nella top class ASB1000 dell’Asia Road Racing Championship. Il suo contributo, oltre che il legame pluriennale con la casa dell’ala dorata, ha permesso alla squadra di festeggiare pronti-via la prima vittoria a Sepang con Zaqhwan Zaidi in trionfo nella seconda manche in programma.

L’ESPERIENZA DI FUJIWARA

Non da meno Katsuaki Fujiwara, dal 2015 di fatto direttore sportivo di diverse squadre supportate dalla Kawasaki. Inizialmente del Team Green tra All Japan e 8 ore di Suzuka, oggi del Kawasaki Thailand Racing Team impegnato nell’ARRC e, da quest’anno, nell’ASB1000. Fujiwara può vantare un’esperienza a tuttotondo nel motociclismo, Asia Road Racing compreso: nel 2011 conquistò il titolo della SuperSports 600cc…

KOYAMA… L’INDIANO

Fino al successo al Gran Premio del Qatar Moto3 di Kaito Toba rimasto l’ultimo pilota giapponese a vincere nel Motomondiale, oggi Tomoyoshi Koyama si alterna tra qualche gara “spot” e l’inedito ruolo di “coach” del team IDEMITSU Honda Racing India. Un impegno importante, con la sua esperienza al servizio dei giovani piloti indiani della classe AP250 (la “nostra” Supersport 300) per un progetto a lungo termine.

ALTRI CASI

Accanto a loro, non mancano altri ex-piloti pienamente operativi nel circus ARRC. Ratthapark Wilairot è parte integrante del direttivo di A.P. Honda Thailand, mentre Decha Kraisart, una volta appeso il chiodo lo scorso mese di dicembre, ha assunto la carica di coach dei piloti Yamaha della filiale thailandese…

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Bradley Smith: “Non capisco le scelte della Direzione Gara”

Moto2, Enea Bastianini: “Alla fine la gomma era al limite”

Moto3, Catalunya: Paolo Simoncelli “Una gara di autoscontri”