Asia Road Racing: Presentata la ASB1000, dal 2019 sarà top class

La Superbike sbarca in Estremo Oriente diventando la categoria di punta dell'ARRC. La Dunlop sarà fornitore unico di gomme

6 giugno 2018 - 8:09

Il terzo round della stagione 2018, che si è svolto a Suzuka, ha ospitato non solo le gare delle classi UB150, AP250 e Supersport, ma anche il lancio di qualcosa di nuovo per le prossime stagioni. La storica pista giapponese è infatti quella in cui ARRC ha ufficialmente annunciato la nascita della nuova classe ASB1000, che debutterà nel 2019 e seguirà le normative FIM Superstock. Qui l’intervista esclusiva al promoter della serie più importante del continente asiatico.

Ron Hogg, direttore di Two Wheels Motor Racing (promotore di ARRC) ha commentato:  “Siamo estremamente felici che il Campionato Asia Road Racing abbia finalmente raggiunto un punto in cui la classe ASB1000 è diventata una necessità. Da quando la serie fu introdotta per la prima volta nel 1996, la nostra missione è sempre quella di promuovere e sviluppare lo sport delle corse motociclistiche nella regione. La classe ASB1000 rappresenterà il top delle moto derivate dalla produzione e completa il format dell’Asia Road Racing Championship. Offriremo una piattaforma r unica in cui i campioni che si laureano nei rispettivi campionati nazionali di Superbike possano competere, per aspirare a traguardi sempre più alti. II regolamento  seguirà le normative FIM Superstock. Le gomme saranno fornite da Dunlop. “

Sadahiko Matsumura (Dunlop) ha detto: “Dunlop sarà impegnata al massimo livello nella classe ASB1000, visto che la nostra azienda è stata a fianco di ARRC fin dal 1996. Per l’ASB1000, Dunlop fornirà otto set di gomme per ogni weekend di gara,  con due opzioni differenti. Il piano è quello di offrire  più opzioni per soddisfare le esigenze dei vari team. Dunlop proporrà anche gomme da qualifica.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Superbike: Chris Vermuelen “Sandro Cortese ci stupirà”

Superbike: L’arrivo di Ten Kate farà saltare il banco in Yamaha?

Eugene Laverty: “Bitubo è il nostro asso nella manica”