Azlan Shah

ARRC ASB1000 Buriram Gara 1: Azlan Shah batte Zaqhwan Zaidi

Finale in volata con Azlan Shah Kamaruzaman (BMW) che ha la meglio su Zaqhwan Zaidi (Honda Asia) in Gara 1 dell'ASB1000 a Buriram. Domani Gara 2.

1 giugno 2019 - 12:01

I primi cinque racchiusi in 1″8. Gira che ti rigira, nell’elite della classe ASB1000 dell’Asia Road Racing Championship vige un sostanziale equilibrio con più piloti e case costruttrici rappresentate. In Gara 1 al Chang International Circuit di Buriram (Thailandia) il malese Azlan Shah Kamaruzaman diventa il primo pilota con due vittorie all’attivo, regolando nel finale uno scatenato Zaqhwan Zaidi con l’idolo di casa Apiwath Wongthananon a completare il podio.

BIS DI SHAH KAMARUZAMAN

Vincitore della prima, storica gara dell’ASB1000 a Sepang, Azlan Shah Kamaruzaman ha concesso il bis. Già Campione della SuperSports 600cc, dai trascorsi persino nel Mondiale Moto2 ed alla 8 ore di Suzuka con l’investitura di pilota ufficiale Kawasaki Team Green, il motociclista malese ha ribadito quanto di buono espresso nelle prove. Lasciato “sfogare” nei primi giri Wongthananon, da lì a poco Shah con la BMW S1000RR dell’ONEXOX TKKR SAG Team ha ingaggiato proprio con il pilota Yamaha Thailand un avvincente duello, il tutto prima dell’avanzata di Zaidi.

RIMONTA DI ZAIDI

La lotta senza esclusione di colpi tra Shah e Wongthananon ha favorito per l’appunto il riaggancio Zaqhwan Zaidi. Incitato dal muretto box dal suo team manager Makoto Tamada, il malese ha ripreso nel finale i due fuggitivi e, favorito da un errore all’ultima curva di Wongthananon, conquistato la seconda posizione. Zaidi le ha provate tutte per conquistare la vittoria, ma Shah è stato bravo a chiudere tutte le porte centrando il secondo hurrà 2019 davanti allo stesso portacolori Honda Asia e Wongthananon, terzo tentando un disperato attacco per la seconda posizione all’ultima staccata.

PARKES RESTA LEADER

Con BMW, Honda e Yamaha rappresentate sul podio, al comando della classifica resta Broc Parkes, con Yamaha ASEAN quarto vincendo il derby con il giapponese Yuki Ito. L’australiano, secondo consuetudine partito malissimo, conserva la leadership di campionato a quota 85 punti, 13 di vantaggio rispetto a Shah, 14 a scapito di Zaidi. Non è andato oltre il settimo posto Bryan Staring, sostituto dell’infortunato Warokorn in Kawasaki Thailand, mentre le Ducati Panigale V4 R del team Access Plus Essenza hanno concluso al 9° e 12° posto rispettivamente con TJ Alberto e Jonathan Serrapica.

Asia Road Racing Championship 2019
ASB1000 – Superbike
Chang International Circuit, Classifica Gara 1

1- Azlan Shah Kamaruzaman – ONEXOX TKKR SAG Team – BMW S1000RR – 13 giri

2- Zaqhwan Zaidi – Honda Asia Dream Racing with Showa – Honda CBR 1000RR SP2 – + 0.625

3- Apiwath Wongthananon – Yamaha Thailand Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 0.918

4- Broc Parkes – Yamaha Racing Team ASEAN – Yamaha YZF R1 – + 1.498

5- Yuki Ito – Yamaha Racing Team ASEAN – Yamaha YZF R1 – + 1.894

6- Ratthapong Wilairot – Yamaha Thailand Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 5.628

7- Bryan Staring – Kawasaki Thailand Racing Team – Kawasaki ZX-10RR – + 6.708

8- Ahmad Yudhistira – Victor Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 14.331

9- TJ Alberto – Access Plus Racing Ducati Philippines Essenza Team – Ducati Panigale V4 R – + 27.655

10- Farid Badrul – ONEXOX TKKR SAG Team – BMW S1000RR – + 31.627

11- Kazuma Tsuda – Victor Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 42.515

12- Jonathan Serrapica – Access Plus Racing Ducati Philippines Essenza Team – Ducati Panigale V4 R – + 1’42.750

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Europeo Mini Road Racing 2019, Assen

Assen: Europeo Mini Road Racing 2019 Pokerissimo Italia

british talent cup

British Talent Cup: Il titolo 2019 si decide a Silverstone

All Japan Superbike

All Japan Superbike Motegi: Nakasuga torna alla vittoria