Suzuka 300 km: vince Yoshimura Suzuki, gara segnata dalla pioggia

Il maltempo grande protagonista

14 giugno 2010 - 3:14

Riesce difficile ricordarsi una 8 ore di Suzuka non segnata dalla pioggia in questi ultimi anni. Non è andata diversamente lo scorso fine settimana per la 300 kilometri, gara di preparazione alla maratona Endurance per eccellenza del prossimo 25 luglio con la presenza di tutte le moto e squadre attese protagoniste quest’anno. Un vero e proprio nubifragio si è abbattuto sul Suzuka Circuit a pochi minuti dal via, costringendo la direzione gara a posticipare la partenza di addirittura 2 ore. Finalmente partiti, i piloti hanno incontrato una situazione da… Nordschleife, il “vecchio” Nurburgring: rettilineo e circuito “Est” (dall’ultima variante alle “S” in sequenza) completamente asciutto, bagnato nei 3 kilometri restanti del tracciato. In questa situazione la scelta delle gomme giuste era indispensabile per ben figurare e la strategia migliore, manco a dirlo vedendo le ultime 8 ore, l’ha azzeccata Yoshimura Suzuki.

Sempre la soluzione più conservativa, nessun azzardo, soprattutto nessun errore da parte dei piloti, scesi a tratti in pista con le slick nonostante qualche punto ancora bagnato della pista. Mentre gli altri equipaggi stressavano gli pneumatici “intermedi”, Nobuatsu Aoki e Daisaku Sakai hanno regalato una vittoria importante per Yoshimura Suzuki con la GSX-R 1000 #12, preparandosi al meglio per la 8 ore dove, ricordiamo, c’è l’imperativo di difendere il trofeo conquistato lo scorso anno. La coppia Yoshimura, con Nobuatsu Aoki sostituto di Yukio Kagayama ancora non al meglio per l’infortunio rimediato a Oulton Park nel British Superbike, ha saputo amministrare le proprie situazioni favorevole concludendo la 300 kilometri in poco più di 2 ore ed un margine di 50″ sulla giovane coppia del team HARC-PRO Honda composta da Takumi Takahashi (leader dell’All Japan Superbike) e Takaaki Nakagami, fino allo scorso anno nel Mondiale 125cc su Aprilia, oggi nella ST600 (Supersport) con la medesima squadra.

Al via proprio l’equipaggio #634 ha preso l’iniziativa, subito passati dal solito velocissimo Kousuke Akiyoshi su F.C.C. TSR Honda #11, l’unico in pista della squadra dopo il forfait di Jonathan Rea (non al meglio dopo la caduta in Superpole al Miller Motorsports Park). Il tester ufficiale Honda MotoGP ha guadagnato un buon margine prima dell’attacco di Chojun Kameya con la Honda #2 del team Sakurai, ma un’errata scelta di pneumatici (intermedie quando l’asfalto era ormai asciutto) l’ha costretto ad una sosta supplementare chiudendo alla fine con 1 giro di svantaggio insieme a Wayne Maxwell, suo compagno di squadra proveniente dall’Australian Superbike. Il podio ha così premiato Yoshimura Suzuki #12 con Daisaku Sakai e Nobuatsu Aoki, seguiti da HARC-PRO Honda #634 con Takaaki Nakagami e Takumi Takahashi, che alla 8 ore saranno affiancati da Ryuichi Kiyonari. Terzo posto per Kousuke Akiyoshi su Honda F.C.C. TSR #11, a seguire la Yamaha “satellite” del Taira Racing #54 (Yuichi Takeda) e Sakurai Honda #2 (Chojun Kameya/Wayne Maxwell).

Parlando dei team europei provenienti dal Mondiale Endurance bella prestazione di David Checa, che ha portato la prima delle due Yamaha del team GMT94 in settima posizione giusto davanti a YART, squadra campione del mondo in carica, che ha potuto contare soltanto su Igor Jerman a seguito della brutta caduta di Gwen Giabbani nelle qualifiche ufficiali. Ventiquattresimo invece Kenny Foray con la seconda Yamaha GMT94 contraddistinta dal #194. L’appuntamento è per la 8 ore di Suzuka del 25 luglio prossimo, ovviamente anticipata dai test di queste settimane dove arriveranno piloti come Jonathan Rea, Ryuchi Kiyonari e Yuki Takahashi a provare le Honda CBR 1000RR ufficiali. Road to 8 Hours Suzuka 300 km 2010 Classifica Gara 01- Yoshimura Suzuki with JOMO – Suzuki GSX-R 1000 – Sakai/Aoki – 52 giri in 2h02’30.192 02. MuSASHi RT HARC-PRO – Honda CBR1000RR – Nakagami/Takahashi – + 50.457 03- F.C.C. TSR Honda – Honda CBR 1000RR – Akiyoshi – + 1’47.677 04- Taira Racing – Yamaha YZF R1 – Takeda – + 2’15.358 05- Sakurai Honda – Honda CBR 1000RR – Kameya/Maxwell – a 1 giro 06- Trick Star Racing – Kawasaki ZX10R – Takeishi/Konno – a 2 giri 07- Yamaha France GMT94 Ipone – Yamaha YZF R1 – Checa – a 2 giri 08- Yamaha Austria Racing Team – Yamaha YZF R1 – Jerman – a 2 giri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoAmerica

MotoAmerica Road Atlanta: sempre Beaubier, brutto crash di Lewis

MotoAmerica

MotoAmerica Road Atlanta: Beaubier domina Gara 1

biesiekirski moto2

Moto2, ‘esordio’ alternativo per Biesiekirski: test a Barcellona con SAG Team