SUPERBIKE*IDM: Matej Smrz firma con Wilbers BMW Racing

Nel 2015 in sella ad una BMW

23 novembre 2014 - 23:39

Trascorse tre stagioni con Yamaha Motor Deutschland, nel 2015 Matej Smrz proseguirà la sua lunga militanza nell’Internationale Deutsche Motorradmeisterschaft, ma in sella alla nuova BMW S1000RR Model Year 2015 del Wilbers BMW Racing. L’accordo, siglato nei giorni scorsi, permetterà a ‘Smrzino’ di puntare in alto nella SUPERBIKE*IDM, serie che lo ha visto correre con Honda, KTM e, nell’ultimo triennio, con Yamaha.

Con il Wilbers BMW Racing sono stato in contatto per lungo tempo, conosco da parecchio Benny (Wilbers)“, ha ammesso Matej Smrz. “Tuttavia, sin dal principio, gli avevo chiarito che prima di prender qualsiasi decisione avrei aspettato di conoscere i programmi di Yamaha Motor Deutschland, visto che vantavo un’opzione con loro per tutto il mese di ottobre.

Tuttavia con Michael Galinski e Yamaha le cose non sono andate nel verso giusto, l’azienda ha cambiato più volte idea, ma in ogni caso sono felice di far parte del team Wilbers BMW. Avevo diversi contatti nell’IDM, CEV, BSB e nel Mondiale Endurance, ma la possibilità di entrar a far parte di una simile struttura, sviluppando oltretutto la nuova BMW S1000RR 2015 con sospensioni elettroniche, mi ha convinto: insieme possiamo ottenere grandi risultati“.

Siamo molto felici di poter contare su Matej per la prossima stagione“, ha dichiarato Benny Wilbers, titolare dell’omonimo Wilbers BMW Racing e di Wilbers Products GmbH. “Matej nell’IDM ha sempre lottato per posizioni importanti, ha il talento e la velocità per confermarsi con questi livelli. Disporrà della nuova BMW S1000RR con sospensioni elettroniche DDC, la sua esperienza ci servirà per sviluppare la moto in vista della prossima stagione“.

Matej Smrz sarà affiancato da Lucy Glockner (vice-Campionessa IDM Superstock 2014) più da un secondo pilota tuttora in fase di definizione tra una vasta schiera di candidati.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Superbike: L’arrivo di Ten Kate farà saltare il banco in Yamaha?

Eugene Laverty: “Bitubo è il nostro asso nella manica”

MotoGP: Danilo Petrucci lavora sull’ergonomia, ma la sella ‘scotta’