Stefan Nebel parla dei test KTM RC8R Superbike

Il pilota tedesco parla della KTM RC8R e dei test tra Portimao e Guadix

25 febbraio 2009 - 10:33

Quando KTM ha dato il via al progetto “Superbike”, è stato ingaggiato un pilota con il ruolo di tester ufficiale incaricato dello sviluppo della RC8: Stefan Nebel. Esperienze nel mondiale e nei campionati nazionali, Nebel è stato il primo a provare la RC8R Superbike, nonchè la RC8 Superstock e anche la RC8R di serie. Onere e onore di ricoprire un ruolo particolarmente ambito, essendo un pilota ufficiale e di una casa, la KTM, che nel futuro punterà sicuramente sulle derivate di serie.

Per il momento la casa di Matthigofen pensa all’IDM Superbike, e nelle scorse settimane prima a Portimao e successivamente a Guadix (tracciato in Spagna) la RC8R in configurazione SBK è scesa in pista con i due piloti del team KTM Red Bull, ovvero Didier Van Keymeulen e, appunto, Stefan Nebel. Il pilota tedesco, da poco diventato papà di Maximilian, ha rivelato le sue prime impressioni di questo 2009, dopo aver provato la moto lo scorso novembre all’Autodromo Ricardo Tormo di Valencia.

“Sono stati due test importanti”, afferma Stefan Nebel. “Tra Portimao e Guadix siamo rimasti praticamente 11 giorni a girare, che sia con la moto di serie o la Superbike. Devo dire che il progetto RC8R è a buon punto, ma si può ancora migliorare. Se devo dire due aspetti positivi, dico il telaio ed il fatto che la moto stressa poco gli pneumatici. Se devo invece dire due aspetti sul quale dobbiamo ancora lavorare, sono il motore e l’elettronica. Comunque sono soddisfatto di questi test, con Didier (Van Keymeulen) ci siamo potuti confrontare e abbiamo la stessa visione sullo sviluppo della moto”.

KTM Racing proverà nuovamente nelle prossime settimane, anche se non è ancora stato ufficializzato il tracciato dove scenderà in pista la RC8R.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike: Eugene Laverty salta anche Misano

MotoGP, Maverick Vinales e il ‘mistero’ Morbidelli-Quartararo

Tommy Bridewell leader del BSB: no Misano WSBK, sì a Suzuka