MotoAmerica Supersport: Meen Yamaha all’attacco con Herrin

Assalto al titolo con il rientrante Josh Herrin

9 febbraio 2015 - 5:03

Nella rinnovata classe MotoAmerica Supersport (ex-Daytona SportBike) ci sarà una squadra con propositi ambiziosi per la conquista del titolo di categoria. Il Meen Motorsports Racing, oggi MotoSport.com/Meen Yamaha, darà l’assalto alla vittoria con due Yamaha YZF R6 affidate ad una coppia di piloti di assoluto valore: il giovanissimo Joe Roberts, ma soprattutto al rientrante Josh Herrin.

Reduce da una problematica esperienza nel Mondiale Moto2 con il team Caterham conclusasi anzitempo, il Campione AMA Superbike 2013, l’unico nell’ultimo lustro a spezzare l’egemonia di successi dell’allora compagno di squadra Josh Hayes, ha deciso di tornare in madrepatria ripartendo proprio dalla classe MotoAmerica Supersport.

In sella ad una Yamaha R6 preparata da Graves Motorsports (compagine con la quale si laureò Campione AMA Superbike vincendo la 200 miglia di Daytona nel 2010), Herrin cercherà di aggiudicarsi il primo titolo AMA/MotoAmerica tra le 600cc.

Sono davvero felice di tornare a correre in America, ancor più se in sella ad una Yamaha R6, una moto che conosco molto bene“, ha ammesso Josh Herrin. “Sono convinto che insieme abbiamo tutto il potenziale per conquistare il titolo del MotoAmerica Supersport Championship. Faremo di tutto per farcela, sono impaziente di iniziare e tornare a correre come più mi piace: divertendomi!“.

Accanto a Josh Herrin il Meen Motorsports Racing ha deciso di puntare su Joe Roberts, già vincitore di 5 gare dell’AMA SuperSport lo scorso anno, ma dai trascorsi convincenti nella Red Bull MotoGP Rookies Cup tanto da essersi aggiudicato nel 2012 una vittoria assoluta all’Automotodrom Brno.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

alessandro zaccone cev moto2

ESCLUSIVA Alessandro Zaccone: “Tra CEV e MotoE parto per vincere”

Valentino Rossi tra gli sceicchi: semaforo verde sulla 12 Ore di Abu Dhabi

Lewis Hamilton e Valentino Rossi

Valentino Rossi: “Prima ero un fan di Lewis Hamilton, ora di più”