IDM Superbike: terzo round al Nurburgring, BMW, Yamaha e Honda per il primato

L'IDM torna in pista

11 giugno 2012 - 21:44

Dopo oltre un mese di sosta, l’IDM Superbike torna in pista il prossimo fine settimana al Nurburgring per il terzo di otto eventi della stagione 2012, destinato a far maggior chiarezza sui valori in campo in una classifica di campionato più corta che mai. Con la dipartita dei team ufficiali KTM e diversi cambi di casacca d’eccezione, nei primi due round tra Lausitzring e Oschersleben è stato sancito un avvincente scontro del primato con potenzialmente 5-6 piloti costantemente in lizza per la vittoria e papabili vincitori del titolo 2012. Lasciata, dopo una lunga militanza con successi conseguiti tra IDM (due titoli, 2005 e 2009) e World Supersport (titolo mondiale 2000), la Yamaha per approdare in BMW con il team Wilbers BMW Racing, a 40 anni Jorg Teuchert torna protagonista e, soprattutto, al comando della classifica di campionato con ben 72 punti all’attivo frutto di tre piazzamenti a punti nelle quattro gare disputate, ma soprattutto della vittoria conseguita nella seconda manche all’Eurospeedway, la prima al culmine di un lungo digiuno durato un buon biennio.

Il sempreverde Teuchert, impegnato così come gli altri tre piloti (Gareth Jones, Irek Sikora e Lucy Glockner) del Wilbers BMW Racing in una produttiva tre-giorni di test a Schleizer Dreieck lo scorso fine settimana, si propone così come pilota da batter al Nurburgring distanziato di soli 2 punticini in classifica da Matej Smrz, passato da INGHART KTM a Yamaha Motor Deutschland by Monster Energy proprio in sostituzione dell’esperto pilota teutonico. “Smrzino”, fratello minore di Jakub protagonista del Mondiale Superbike, si è trovato a meraviglia con la Yamaha YZF R1 preparata dal MGM Racing Performance dell’ex campione IDM Michael Galinski, testimoniato dai 70 punti raccolti e da due vittorie tra Lausitzring e Oschersleben, penalizzato soltanto dallo “zero” di Gara 2 all’Eurospeedway. Smrz conta di conquistare la leadership di campionato al Nurburgring, ma dovrà sudare sette camicie sul tracciato di casa per eccellenza della BMW che quest’anno schiera un plotone di ben quattro squadre (alpha Technik, Wilbers, RAC Racing e Fritze Tuning) in grado di puntare alla vittoria di campionato. Punta a questo traguardo senza dubbio il vice-campione in carica Michael Ranseder, rimasto al Team Fritze Tuning (oggi “Technogym Racing Austria”), ora quarto in campionato e preceduto dall’ex campione FSBK Erwan Nigon, in trionfo in Gara 2 a Oschersleben con la BMW S1000RR di alpha Technik/Van Zon, il primo trionfo per Michelin nell’IDM Superbike. L’esperto pilota francese si presenterà al Nurburgring con legittime aspirazioni da primato anche grazie al successo conseguito con BMW Motorrad France Team Thevent nella seconda prova del Mondiale Endurance alla 8 ore di Doha: con questo curriculum non può che esser lui uno dei papabili a succedere nell’albo d’oro a Martin Bauer…

Chi ha già conquistato il titolo di categoria è invece Karl Muggeridge, soltanto sesto in campionato, ma velocissimo in prova (due pole su due) con la nuova Honda CBR 1000RR Fireblade C-ABS preparata dall’Holzhauer Racing Promotion. Per “Muggas”, così come per il proprio compagno di squadra ex-campione IDM Supersport Arne Tode, l’obiettivo è di trovare la migliore messa a punto della nuova CBR per sfruttare al meglio gli pneumatici Dunlop sulla distanza di gara, “tallone d’achille” evidenziato nei primi due round costati almeno due vittorie ampiamente alla portata. Con BMW, Honda e Yamaha sugli scudi, da rivedere al Nurburgring anche la Suzuki, da quest’anno in pista grazie al Team HPC Power (con l’ex-campione IMD Supersport Sascha Hommel) e con il Team Reitwagen dell’austriaco Roland Resch, e la Ducati, con la nuova 1199 Panigale “work in progress” dell’Hertrampf Racing affidata a Dario Giuseppetti, 8° in campione con diversi piazzamenti nella top-10 nelle prime quattro gare. Sempre al Nurburgring è attesa una seconda Ducati 1199 schierata dal “Ducati am Ring” per il 22enne Meik Minnerop, compagine che ha la base operativa proprio a ridosso del mitico Nordschleife: quando si dice correr in casa… Internationale Deutsche Motorradmeisterschaft 2012 La Classifica di Campionato dopo i primi 2 round 01- Jorg Teuchert – Wilbers BMW Racing – BMW S1000RR – 72 02- Matej Smrz – Yamaha Motor Deutschland – Yamaha YZF R1 – 70 03- Erwan Nigon – Van Zon alpha Technik BMW – BMW S1000RR – 66 04- Michael Ranseder – Technogym Racing Austria – BMW S1000RR – 56 05- Gareth Jones – Wilbers BMW Racing – BMW S1000RR – 55 06- Karl Muggeridge – Holzhauer Racing Promotion – Honda CBR 1000RR – 44 07- Troy Herfoss – RAC Racing BMW – BMW S1000RR – 41 08- Dario Giuseppetti – Hertrampf Racing – Ducati 1199 Panigale – 32 09- Roland Resch – Team Reitwagen Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 26 10- Sascha Hommel – HPC Power Suzuki Racing – Suzuki GSX-R 1000 – 23 11- Arne Tode – Holzhauer Racing Promotion – Honda CBR 1000RR – 18 12- Ghisbert van Ginhoven – RAC Racing BMW – BMW S1000RR – 16 13- Lucy Glockner – Wilbers BMW Racing – BMW S1000RR – 13 14- Arie Vos – Van Zon alpha Technik BMW – BMW S1000RR – 8 15- Luca Hansen – Yamaha Motor Deutschland – Yamaha YZF R1 – 8 16- Irek Sikora – Wilbers BMW Racing – BMW S1000RR – 8 17- Peter Preussler – AGR Preussler Racing Team – BMW S1000RR – 2 18- Branko Srdanov – B&R Racing – BMW S1000RR – 2

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

CEV Moto2: Operazione del tunnel carpale per Yari Montella

Trofei Wheelup Motoestate: 4° round a Franciacorta il 20-21 luglio

British Talent Cup, appuntamento a Snetterton