FSBK: Erwan Nigon Campione francese Superbike 2010

Il profilo del pilota BMW

28 settembre 2010 - 2:43

Con l’appuntamento di Albi, Erwan Nigon ha avuto la matematica certezza di conquistare il titolo francese Superbike 2010, il suo obiettivo inseguito da diverse stagioni a queste parti. Un bel regalo di compleanno per il pilota di BMW Motorrad France, 27 anni compiuti proprio ieri, che ha vissuto una carriera tra 2 e 4 tempi. Tra i talenti del motociclismo francese, nel 2002 fu scelto dall’Equipe de France per correre nel Motomondiale classe 250cc con una privata Aprilia, per ironia della sorte sostituendo uno dei suoi attuali avversari nell’Endurance e FSBK, Vincent Philippe.

Quasi quattro stagioni nel mondiale dal 2002 al 2005, disputando nel 2003 la sua miglior stagione raccogliendo ben 30 punti con il settimo posto di Assen quale miglior risultato. Come spesso capita nel mondo delle corse, e nello specifico in 250cc, la mancanza di una moto competitiva gli ha suggerito di proseguire la propria carriera altrove. Nel 2006 debutta al Bol d’Or con una Kawasaki privata, nel 2008 è già pilota ufficiale GSR Kawasaki nell’Endurance. L’anno scorso, a sorpresa, lascia la “Verdona” per accettare l’offerta di Yamaha GMT94 per la 24 ore di Le Mans ed il Bol d’Or, oltre che disputare la tappa al Miller Motorsports Park nel World Superbike.

Per questa stagione Erwan Nigon viene chiamato dal team BMW Motorrad France per correre nella Superbike francese e nell’Endurance, portando al debutto la BMW S1000RR gommata Michelin, brand per il quale dal 2006 al 2008 è stato collaudatore in MotoGP, spesso impegnato in test con una Honda RC212V. Nigon non sbaglia e realizza una vera stagione capolavoro.

Quattordici gare, 7 vittorie, 6 pole position, 5 secondi ed 1 terzo posto: con questo ruolino di marcia festeggia il suo primo titolo Superbike in carriera succedendo nell’albo d’oro proprio al suo compagno di squadra Sebastien Gimbert, rivale e amico con il quale cercherà nel 2011 di portare la BMW in trionfo anche nell’Endurance.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, sindrome compartimentale: Dovizioso e Rossi destini diversi

Marco Melandri, adesso hanno paura di lui?

Chaz Davies, crisi infinita: “Così è frustrante”