Daytona SportBike Road Atlanta Gara 1: domina Cardenas

Fuori gioco DiSalvo, Tommy Hayden sul podio

22 aprile 2012 - 3:59

Un’affermazione da assoluto dominatore, ma non facile per Martin Cardenas nella prima di due gare in programma per il secondo appuntamento stagionale della Daytona SportBike sul tracciato di Road Atlanta in Braselton. Il pilota colombiano, tornato quest’anno nella DSB dopo una positiva parentesi tra le Superbike (4° in classifica con 1 vittoria all’attivo), ha dato seguito alla conquista della seconda pole in carriera dominando la contesa sul tracciato della Georgia, testimoniato dai 4″ di margine all’esposizione della bandiera a scacchi sul più diretto inseguitore Dane Westby, secondo a completare una doppietta delle Suzuki GSX-R 600 preparate dal Team Hammer.

Cardenas, poleman e contendente alla vittoria il mese scorso alla 200 miglia di Daytona, si è subito involato al comando allo spegnimento del semaforo guadagnando giro dopo giro un consistente vantaggio sugli avversari. Giusto a metà gara, ormai imprendibile per chiunque, il portacolori GEICO Suzuki si è ritrovato fuori pista sull’erba per un errore nella variante in discesa, riuscendo in ogni caso a ripartire senza problemi e concludere la corsa da assoluto dominatore celebrando la personale 18esima affermazione nel panorama AMA Pro Road Racing (17esima in SportBike), la prima stagionale con il risultato di ritrovarsi al comando della classifica di campionato con 51 punti a +7 sul vincitore della Daytona 200 Joey Pascarella (soltanto 8° all’esordio con la Yamaha del SGA/KATRA Racing), +10 su Dane Westby in grado di rimontare fino al secondo posto finale con la Suzuki GSX-R 600 iscritta dal team M4 Broaster Chicken Suzuki.

Lontanissimi dal fuggitivo Cardenas, la gara del sabato ha riservato un avvincente confronto per le due restanti posizioni sul podio con qualche colpo di scena. Jason DiSalvo, attesissimo con la Triumph Daytona 675 ufficiale vestita dei colori Castrol del Latus Motors Racing, è stato costretto ad una sosta ai box anticipata per un problema tecnico. Senza il vincitore della 200 miglia di Daytona 2011, nella lotta per la seconda piazza oltre a Westby si sono evidenziati in positivo Tommy Hayden, 3° alla seconda gara con il team Graves Yamaha in sostituzione dell’infortunato Garrett Gerloff, sfruttando la disavventura occorsa al vice-campione AMA SuperSport in carica Benny Solis, uscito di scena nel finale per un errore alla curva 10 dopo un contatto con Dane Westby. Con il giovane californiano che ha perso un’occasione importante per salire sul podio alla seconda gara in assoluto tra le DSB con Vesrah Suzuki, in 4° posizione ha così concluso Jake Zemke con la Ducati 848 EVO del Ducshop Racing, lasciandosi alle spalle Cory West (Vesrah Suzuki) ed un ritrovato Bobby Fong (Yamaha Meen Motorsports).

Nella top-10 oltre a Pascarella altri due ex-protagonisti dell’AMA SuperSport, Huntley Nash (7°, mai così in alto tra le SportBike con Yamaha LTD Racing) e JD Beach (9° su Yamaha RoadRace Factory), 11° invece il campione nazionale 2010 Austin DeHaven con la R6 del Triple Crown Industries. In campionato ora Cardenas conduce con 51 punti, seguono Pascarella a 44, Westby a 41, Hayden a 35, resta fermo a quota 29 DiSalvo.

AMA Pro GoPro Daytona SportBike 2012
Road Atlanta, Classifica Gara 1

01- Martin Cardenas – GEICO Suzuki – Suzuki GSX-R 600 – 20 giri in 30’03.917
02- Dane Westby – M4 Broaster Chicken Suzuki – Suzuki GSX-R 600 – + 4.460
03- Tommy Hayden – Y.E.S. Graves Yamaha – Yamaha YZF R6 – + 10.089
04- Jake Zemke – Ducshop Racing – Ducati 848 EVO – + 13.709
05- Cory West – Riders Discount Vesrah Suzuki Team – Suzuki GSX-R 600 – + 14.730
06- Bobby Fong – Meen Motorsports Racing – Yamaha YZF R6 – + 14.786
07- Huntley Nash – LTD Racing – Yamaha YZF R6 – + 32.496
08- Joey Pascarella – SGA/KATRA Racing – Yamaha YZF R6 – + 32.689
09- JD Beach – RoadRace Factory Red Bull – Yamaha YZF R6 – + 32.901
10- Michael Beck – Full Tuck Racing – Yamaha YZF R6 – + 33.287
11- Austin DeHaven – Triple Crown Industries – + Yamaha YZF R6 51.840
12- Bryce Prince – Rotobox/Nexx – Yamaha YZF R6 – + 52.197
13- Fernando Amantini – Team Amantini – Kawasaki ZX-6R – + 56.483
14- Barrett Long – Longevity Racing – Ducati 848 EVO – + 56.665
15- David Gaviria – LTD Racing – Yamaha YZF R6 – + 1’05.499
16- Derek Wagnon – HSBK Racing – Ducati 848 EVO – + 1’05.821
17- Jason DiSalvo – Team Latus Motors Racing – Triumph Daytona 675 – + 1’09.613
18- Ben Young – BYR/FOGI Racing – Yamaha YZF R6 – + 1’10.937
19- Shane Narbonne – MOB Racing – Yamaha YZF R6 – + 1’16.828
20- Josh Galster – Josh Galster Racing – Yamaha YZF R6 – a 1 giro
21- Matthew Sadowski – Top Shelf Motorcycles Racing – Suzuki GSX-R 600 – a 1 giro
22- Michael Morgan – RIM Racing – Suzuki GSX-R 600 – a 1 giro
23- Walt Sipp – Walt Sipp Racing – Buell 1125R – a 1 giro
24- Jeff Wrobel – Wrobel Racing – Yamaha YZF R6 – a 1 giro
25- David White – Number213.com – Yamaha YZF R6 – a 1 giro
26- Sam Rozynski – Triple Crown Industries – Yamaha YZF R6 – a 1 giro
27- Benny Solis – Riders Discount Vesrah Suzuki Team – Suzuki GSX-R 600 – a 2 giri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoGP, Oscar Haro: “Lorenzo bloccato dall’elettronica”

Eurosport Events promoter del FIM EWC per altri 10 anni

BSB Silverstone Prove 2: O’Halloran al top, 1-2 McAMS Yamaha