Daytona SportBike Road America Gara 2: ancora Cardenas

In fuga campionato, 47 punti di vantaggio su DiSalvo

4 giugno 2012 - 8:31

La sesta vittoria nelle ultime sette gare. Con questo ruolino di marcia Martin Cardenas ha, di fatto, ipotecato la conquista del suo secondo titolo Daytona SportBike, ritrovandosi al termine del quinto round andato in scena sul tracciato Road America di Elkhart Lake a +47 in classifica di campionato nei confronto di Jason DiSalvo, secondo ed in piena corsa per la vittoria in Gara 2.

Il pilota colombiano, scattato dalla terza posizione in griglia, si è ben presto ritrovato in piena bagarre con la coppia Graves Yamaha Cameron Beaubier e Tommy Hayden, il già menzionato DiSalvo (Triumph Latus Motors Racing) ed un ritrovato JD Beach, mai così in alto con la Yamaha YZF R6 dell’ambizioso ed esordiente RoadRace Factory Red Bull. Rilevato da Beaubier il comando delle operazioni a 3 giri dal termine, Cardenas ha cercato di involarsi in fuga: inevitabile la replica del giovane pilota californiano, anche se una scivolata al penultimo passaggio sul traguardo l’ha costretto alla resa.

Una volta ripartito Beaubier ha concluso soltanto in 20esima posizione, consegnando così la 22esima vittoria in carriera tra le SportBike (23esima nei campionati AMA Pro Road Racing) a Cardenas con Jason DiSalvo secondo in gara ed in campionato con la Triumph Daytona 675R ufficiale del Team Latus Motors Racing, soltanto 10 millesimi di vantaggio al photofinish rispetto a JD Beach, poco più di 1/10 di secondo nei confronti di Tommy Hayden, quarto dopo il disastroso 12esimo posto di Gara 1.

A seguire, staccati dal gruppo di testa, Jake Zemke con la Ducati 848 EVO del Ducshop Racing e Dane Westby, sesto ed in ombra nel week-end con la seconda Suzuki GSX-R 600 del Team Hammer Inc./M4. Con Cardenas sempre più leader, l’appuntamento per la Daytona SportBike 2012 è rimandato al 23-24 giugno prossimi al Barber Motorsports Park di Birmingham (Alabama) per il sesto round 2012.

AMA Pro GoPro Daytona SportBike 2012
Road America, Classifica Gara 2

01- Martin Cardenas – GEICO Suzuki – Suzuki GSX-R 600 – 13 giri in 30’33.929
02- Jason DiSalvo – Team Latus Motors Racing – Triumph Daytona 675R – + 1.010
03- JD Beach – RoadRace Factory Red Bull – Yamaha YZF R6 – + 1.020
04- Tommy Hayden – Y.E.S. Graves Yamaha – Yamaha YZF R6 – + 1.184
05- Jake Zemke – Ducshop Racing – Ducati 848 EVO – + 5.230
06- Dane Westby – M4 Suzuki – Suzuki GSX-R 600 – + 5.893
07- Huntley Nash – LTD Racing – Yamaha YZF R6 – + 11.437
08- Cory West – Riders Discount Vesrah Suzuki Team – Suzuki GSX-R 600 – + 15.051
09- Jake Gagne – RoadRace Factory Red Bull – Yamaha YZF R6 – + 15.352
10- Bobby Fong – Meen Motorsports Racing – Yamaha YZF R6 – + 15.529
11- Joey Pascarella – Riders Discount Vesrah Suzuki Team – Suzuki GSX-R 600 – + 15.543
12- Benny Solis – Kneedraggers.com/Triple Crown Industries – Yamaha YZF R6 – + 26.710
13- Bryce Prince – Rotobox/Nexx – Yamaha YZF R6 – + 29.924
14- Austin DeHaven – Kneedraggers.com/Triple Crown Industries – Yamaha YZF R6 – + 29.957
15- Kris Turner – Turner’s Cycle Racing – Triumph Daytona 675R – + 49.387
16- Fernando Amantini – Team Amantini – Kawasaki ZX-6R – + 50.769
17- Josh Galster – Josh Galster Racing – Yamaha YZF R6 – + 58.779
18- Shane Narbonne – MOB Racing – Yamaha YZF R6 – + 58.963
19- Michael Morgan – RIM Racing – Suzuki GSX-R 600 – + 1’02.988
20- Cameron Beaubier – Y.E.S. Graves Yamaha – Yamaha YZF R6 – + 1’08.351
21- Scott Ryan – Stiles Racing – Yamaha YZF R6 – + 1’09.522
22- Kenny Riedmann – Sturgess Cycle Triumph – Triumph Daytona 675R – + 1’18.361
23- Daniel Ortega – Dan Ortega Racing.com – Suzuki GSX-R 600 – + 1’45.644
24- Melissa Paris – Sea Miracle Yamaha Racing – Yamaha YZF R6 – + 1’46.079
25- Ron Mears – Tornado Bait Racing – Honda CBR 600RR – + 2’06.442
26- Sam Rozynski – Kneedraggers.com/Triple Crown Industries – Yamaha YZF R6 – + 2’24.274
27- Dave Ebben – Ebben Racing – Kawasaki ZX-6R – a 1 giro

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Superbike: L’arrivo di Ten Kate farà saltare il banco in Yamaha?

Eugene Laverty: “Bitubo è il nostro asso nella manica”

MotoGP: Danilo Petrucci lavora sull’ergonomia, ma la sella ‘scotta’