American Superbike Laguna Seca Qualifiche: pole per Josh Hayes

Batte ben cinque Suzuki nelle qualifiche di Laguna Seca

24 luglio 2011 - 2:34

Con più soltanto tre manche da disputarsi in questa stagione, la gara di Laguna Seca dell’American Superbike non consente errori per i pretendenti al titolo. Anche per questa ragione Josh Hayes si è portato avanti con il lavoro conquistando la pole position, la sesta stagionale in 7 round sin qui disputati, la 29° in carriera per l’esperto pilota del Mississipi in tutte le categorie targate AMA Pro Road Racing (Superbike, Formula Xtreme, Supersport e Superstock).

Il Campione AMA Superbike in carica ha fermato i cronometri sull’1’24″480, prestazione interessante a maggior ragione se con la Yamaha R1 del Graves Motorsports ha battuto non meno di cinque piloti Suzuki comandati dai fratelli Hayden, con Tommy (Rockstar Makita Suzuki) davanti a Roger (Jordan Suzuki) a completare una prima fila a Laguna Seca, come per la MotoGP, composta da soli tre piloti.

Dovrà dare il massimo domani in gara Blake Young, leader della classifica di campionato, costretto a scattare dalla quarta posizione in griglia con il chiaro intento di amministrare gli 11 punti di vantaggio su di un rimontante Hayes. La buona notizia è che per la corsa di domani non sono esclusi exploit del campione Daytona SportBike in carica Martin Cardenas, 5° con la M4 Suzuki davanti a Ben Bostrom, impegnatissimo nel fine settimana di Laguna Seca tra American Superbike e MotoGP. Passare da una Suzuki GSX-R 1000 ad una Honda RC212V 800cc, da gomme Dunlop a Bridgestone, da un’elettronica “standard” al top della tecnologia non deve esser il massimo per “BB”, pronto comunque a dare il massimo per centrare la nona personale affermazione sul tracciato di Monterey bissando se possibile il trionfo dello scorso anno.

Nella top-10 da evidenziare la presenza di ben tre BMW con Larry Pegram 7° davanti al rientrante Jake Holden e Steve Rapp. Tra le S1000RR si nota la EBR 1190RS ufficiale dell’Erik Buell Racing condotta da Geoff May, buon 9° restando a 1″5 dalla pole: non male se pensiamo che è soltanto la seconda gara in assoluto del progetto. Da dimenticare invece il weekend di Laguna Seca per Chris Fillmore e la KTM ufficiale dell’HMC Racing: il bi-campione AMA Supermoto è caduto nella giornata di ieri ed è stato precauzionalmente fermato dai medici. Lo rivedremo ad inizio settembre al New Jersey Motorsports Park.

AMA Pro National Guard American Superbike 2011
Laguna Seca, Classifica riepilogativa Qualifiche

01- Josh Hayes – Monster Energy Graves Yamaha – Yamaha YZF R1 – 1’24.480
02- Tommy Hayden – Rockstar Makita Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 1’24.824
03- Roger Hayden – National Guard Jordan Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 1’24.852
04- Blake Young – Rockstar Makita Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 1’25.023
05- Martin Cardenas – M4 Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 1’25.462
06- Ben Bostrom – Jordan Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 1’25.632
07- Larry Pegram – Foremost Insurance Pegram Racing – BMW S1000RR – 1’25.738
08- Jake Holden – Jake Holden Racing – BMW S1000RR – 1’25.807
09- Geoff May – AMSOIL EBR Racing – EBR 1190RS – 1’25.954
10- Steve Rapp – San Diego BMW/Locust Powered by Lee’s Cycle – BMW S1000RR – 1’26.261
11- Chris Peris – Iron Horse BMW ESP – BMW S1000RR – 1’26.622
12- Jeremy Toye – San Diego BMW/Locust Powered by Lee’s Cycle – BMW S1000RR – 1’26.684
13- Chris Clark – Y.E.S. Pat Clark Sports Graves – Yamaha YZF R1 – 1’26.941
14- JD Beach – Cycle World Attack Performance – Kawasaki ZX-10R – 1’27.245
15- Ricky Corey – RCR Yamaha – Yamaha YZF R1 – 1’27.388
16- Chris Ulrich – M4 Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 1’27.917
17- Chris Trounson – San Diego BMW/Locust Powered by Lee’s Cycle – BMW S1000RR – 1’28.502
18- Jordan Burgess – ADR Fly Racing – Suzuki GSX-R 1000 – 1’28.796
19- Chris Siebenhaar – Rockwell Time/BCS Racing – Suzuki GSX-R 1000 – 1’28.991

Alessio Piana

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoGP, Oscar Haro: “Lorenzo bloccato dall’elettronica”

Eurosport Events promoter del FIM EWC per altri 10 anni

BSB Silverstone Prove 2: O’Halloran al top, 1-2 McAMS Yamaha