American Superbike: gli iscritti 2010? Solo una decina…

Numero esiguo di partenti per la nuova stagione

2 gennaio 2010 - 8:29

La dipartita di Roger Edmonson dal Daytona Motorsports Group è solo l’ultimo segnale che qualcosa proprio non quadra nel panorama delle competizioni motociclistiche su pista americane. Da un biennio a questa parte scelte impopolari, stravolgimenti regolamentari, mancanza di un progetto rivolto soprattutto a beneficio degli addetti ai lavori (nello specifico team e piloti) hanno quasi disintegrato l’essenza dei campionati AMA, la Superbike in primis.

A sostanzialmente 2 mesi dal via il risultato è di aver con certezza poco più di 10 piloti schierati. Facendo un rapido calcolo, sono 13 le moto “ufficiosamente” iscritte, praticamente tre file dello schieramento.

Come squadre ufficiali sono rimaste solo Suzuki (2 moto) e Yamaha (1 moto e… mezza, visto che resta da definire la posizione di Ben Bostrom), mentre Honda ha definitivamente lasciato il campionato, Ducati si affida a Larry Pegram, per Aprilia è ancora in forse il progetto di un team privato.

Si riuscirà ad arrivare ad almeno 20 moto entro la fine di febbraio? Se per Daytona non dovrebbe esser un problema (tradizionale tappa “boom” della serie), ben più… preoccupante è guardare oltre, da Fontana in avanti…

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Daniele Barbero

Il motociclismo piange la scomparsa di Daniele Barbero

AMA Supercross, Cooper Webb

Spettacolare avvio di stagione nel Supercross USA

luca lunetta - cev moto3

CEV Moto3: AC Racing Team, il secondo pilota è Luca Lunetta