AMA Superbike Road Atlanta Gara 2: riscatto di Hayes

Batte Blake Young e sale al comando della classifica

23 aprile 2012 - 15:24

Battuto in Gara 1 da uno strepitoso Blake Young, nella seconda manche dell’AMA/American Superbike a Road Atlanta in Braselton Josh Hayes ha ristabilito le gerarchie. In sella alla Yamaha YZF R1 #1 del Graves Motorsports, l’esperto pilota del Mississipi ha dominato la contesa conquistando la seconda vittoria stagionale dopo Gara 1 a Daytona, la 19esima tra le Superbike, ma soprattutto la 40esima nell’ambito dei campionati motociclistici AMA Pro Road Racing.

Campione 2010 e 2011 della categoria, Hayes si ritrova ora al comando della classifica di campionato con 6 punticini di vantaggio su Blake Young, 2° dopo la strepitosa rimonta di Gara 1 dall’ultima posizione dello schieramento di partenza ed una rovinosa caduta che aveva costretto i commissari all’esposizione della bandiera rossa. Per il portacolori Yoshimura Suzuki resta un piazzamento importante, staccando di gran lunga Josh Herrin, 3° e al secondo podio di fila con Graves Yamaha, sufficiente per battere Roger Hayden con la prima Suzuki GSX-R 1000 del Michael Jordan Motorsports.

Con Ben Bostrom fuori gioco, nella top-5 ha così concluso la BMW del sempreverde Larry Pegram (Foremost Insurance Pegram Racing), vincitore in volata del confronto con Taylor Knapp (Vesrah Suzuki) e Chris Fillmore, buon 7° con la KTM RC8R dell’HMC Racing seguita direttamente da KTM North America e dai tecnici di KTM Racing. Cresce la bicilindrica di Mattighofen nell’American Superbike, medesimo discorso per la EBR 1190RS, 9° con il campione Daytona SportBike in carica Danny Eslick, 5° in Gara 1 grazie ad un eccezionale Geoff May, caduto in questa seconda manche.

Con questi verdetti l’appuntamento per l’American Superbike è ora rimandato al terzo round in programma all’Infineon Raceway di Sears Point in Sonoma, sempre con il duello-campionato tra Josh Hayes e Blake Young.

AMA Pro National Guard SuperBike 2012
Road Atlanta, Classifica Gara 2

01- Josh Hayes – Monster Energy Graves Yamaha – Yamaha YZF R1 – 20 giri in 28’38.096
02- Blake Young – Yoshimura Suzuki Racing – Suzuki GSX-R1000 – + 5.214
03- Josh Herrin – Monster Energy Graves Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 11.627
04- Roger Hayden – National Guard Jordan Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 11.841
05- Larry Pegram – Foremost Insurance Pegram Racing – BMW S1000RR – + 30.604
06- Taylor Knapp – Riders Discount Vesrah Suzuki Team – Suzuki GSX-R 1000 – + 30.747
07- Chris Fillmore – KTM/HMC Racing – KTM RC8R – + 30.833
08- Steve Rapp – Attack Performance – Kawasaki ZX-10R – + 31.548
09- Danny Eslick – Team Hero – EBR 1190RS – + 35.410
10- Chris Clark – Yoshimura Suzuki Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 45.342
11- Robertino Pietri – Team Venezuela – Suzuki GSX-R 1000 – + 49.718
12- Chris Ulrich – M4 Broaster Chicken Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 54.991
13- Geoff May – Team Amsoil/Hero – EBR 1190RS – a 1 giro
14- Johnny Rock Page – Kneedraggers.com Motul FLY Racing – Suzuki GSX-R 1000 – a 1 giro
15- Jordan Burgess – Kneedraggers.com Motul FLY Racing – Suzuki GSX-R 1000 – a 1 giro
16- Reese Wacker – Wacker Racing LLC – Suzuki GSX-R 1000 – a 1 giro

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Europeo Mini Road Racing 2019, Assen

Assen: Europeo Mini Road Racing 2019 Pokerissimo Italia

british talent cup

British Talent Cup: Il titolo 2019 si decide a Silverstone

All Japan Superbike

All Japan Superbike Motegi: Nakasuga torna alla vittoria