AMA Superbike Road America Qualifiche 1: Hayes da record

Vicino al primato del 2007, a oltre 1" gli inseguitori

2 giugno 2012 - 4:29

Lunedì scorso al Miller Motorsports Park ha dato prova del proprio momento di grazia. Quattro giorni più tardi, nel corso delle prime qualifiche ufficiali del quinto appuntamento stagionale dell’AMA/American Superbike sul mitico tracciato Road America di Elkhart Lake, il bi-campione in carica Josh Hayes si è riconfermato ad altissimi livelli non soltanto conquistando la pole position provvisoria, ma arrivando ad un soffio dal record della pista che resiste da un lustro a questa parte. Grazie al 2’11″853 e, se vogliamo, anche al 2’11″554 delle prove libere della mattinata, il portacolori Graves Yamaha è ad un passo dal primato di 2’11″541 siglato dal leggendario Mat Mladin nel 2007, con la concreta possibilità di infrangere questo record domani nella seconda sessione di ufficiali e dar vita ad una mini-fuga in campionato nella prima di due gare in programma.

D’altronde, lo testimonia lo svantaggio rifilato ai suoi più diretti inseguitori, Hayes parte come legittimo pretendente alla vittoria: 1″2 al proprio compagno di squadra Josh Herrin (2° in gara anche a Salt Lake City), 1″3 al rivale per la corsa al titolo Blake Young, soltanto terzo con la Suzuki GSX-R 1000 preparata da Yoshimura R&D of America. Il vice-campione in carica si ritrova così costretto ad inseguire le due Yamaha R1 di Graves Motorsports e a 7 punti da Hayes in campionato, nella speranza di incontrare alcuni validi “alleati” nel week-end in Wisconsin.

Tra questi si propone Roger Hayden, 4° e chiamato a riscattare la scivolata al Miller Motorsports Park con la Suzuki del Michael Jordan Motorsports, seguito a breve distanza dalla prima EBR 1190RS ufficiale dell’Erik Buell Racing di Geoff May (5°) e dal proprio compagno di squadra Ben Bostrom (6°), ma con distacchi superiori ai 2″. Medesimo discorso per Larry Pegram (BMW) e Steve Rapp (Attack Kawasaki, o “Black Ops AP10” che dir si voglia), così come per Danny Eslick (EBR) e Chris Clark (Yoshimura Suzuki) a completare la top-10.

Mancano all’appello le KTM RC8R ufficiali in apparente difficoltà con Chris Fillmore 11° (a 2″9 dal crono-monstre di Hayes) e Stefan Nebel, fermato da un problema con il visto per gli States settimana scorsa, 16°. Fuori dai giochi invece il venezuelano Robertino Pietri, buon 7° nelle libere, KO nelle qualifiche per una rovinosa caduta e conseguente tragitto in ospedale con una spalla infortunata.

AMA Pro National Guard SuperBike 2012
Road America, Classifica Qualifiche 1

01- Josh Hayes – Monster Energy Graves Yamaha – Yamaha YZF R1 – 2’11.853
02- Josh Herrin – Monster Energy Graves Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 1.234
03- Blake Young – Yoshimura Suzuki Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 1.325
04- Roger Hayden – National Guard Jordan Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 1.845
05- Geoff May – Team AMSOIL/Hero – EBR 1190RS – + 1.991
06- Ben Bostrom – Jordan Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 2.084
07- Larry Pegram – Foremost Insurance Pegram Racing – BMW S1000RR – + 2.217
08- Steve Rapp – Attack Performance – Kawasaki ZX-10R – + 2.621
09- Danny Eslick – Team Hero – EBR 1190RS – + 2.800
10- Chris Clark – Yoshimura Suzuki Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 2.814
11- Chris Fillmore – KTM/HMC Racing – KTM RC8R – + 2.917
12- David Anthony – Kneedraggers.com Motul FLY Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 3.061
13- Robertino Pietri – Team Venezuela – Suzuki GSX-R 1000 – + 3.959
14- Jason Farrell – Farrell Performance – Kawasaki ZX-10R – + 4.048
15- Chris Ulrich – M4 Roadracingworld.com Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 4.770
16- Stefan Nebel – KTM/HMC Racing – KTM RC8R – + 5.362
17- Jordan Burgess – Kneedraggers.com Motul FLY Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 7.288
18- Trent Gibson – Seven Sports – Suzuki GSX-R 1000 – + 8.697
19- Reese Wacker – Wacker Racing LLC – Suzuki GSX-R 1000 – + 9.778
20- Greg Fryer – Fryer Racing – Yamaha YZF R1 – + 13.129
21- Tony Porter – EDR Racing – Kawasaki ZX-10R – + 15.192

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoGP, Maverick Vinales: “Serve una Yamaha più aggressiva”

MotoGP, Cal Crutchlow: “Non posso guidare come Marc Marquez”

Superbike: Buon giorno Imola, Alvaro Bautista oggi in pista