AMA Superbike: Josh Hayes Campione per la quarta volta

Quarto titolo AMA Superbike per il Mississippi Madman

22 settembre 2014 - 22:45

A 39 anni una leggenda in attività del motociclismo d’Oltreoceano. Josh Hayes, archiviata la ‘parentesi’ del 2013, per la quarta volta nelle ultime cinque stagioni si è laureato Campione AMA Superbike sempre in sella alla Yamaha YZF R1 del team Monster Energy Graves Yamaha ritoccando nuovi primati personali nella storia del panorama motociclistico targato AMA Pro Road Racing. Come nel precedente biennio costretto a recuperare terreno in classifica per lo sfortunato ‘zero’ accusato per un problema tecnico a Daytona, da quel momento in avanti il ‘Mississippi Madman’ ha inanellato una serie esaltante di risultati utili che gli hanno permesso, al termine di una prima manche al New Jersey Motorsports Park di Millville disputatasi sotto il diluvio, di laurearsi con una gara d’anticipo e per la quarta volta (2010, 2011, 2012, 2014) Campione AMA Superbike.

Per l’originario di Gulfport, riconfermato al via della stagione 2015 con Graves Yamaha, un trionfo totale testimoniato dalle sette vittorie conseguite nelle undici gare andate in archivio. Grazie a queste affermazioni, Hayes è ora saldamente secondo nella graduatoria ‘All Time’ in termini di vittorie nell’AMA Superbike: ben 48, preceduto dal solo (irraggiungibile?) sette volte Campione Mat Mladin. Per quanto concerne le varie classi AMA Pro Road Racing, Josh Hayes ha totalizzato 70 vittorie in carriera, quarto ‘All Time’, ma sempre più vicino a Miguel Duhamel (86), Mat Mladin (82) e Rich Oliver.

Nonostante sia prossimo a compiere 40 anni, Josh Hayes resta di gran lunga il pilota più veloce del motociclismo americano, deciso nel 2015 a ritoccare ulteriori record e conquistare il quinto titolo AMA Superbike…

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Superbike: “Jonathan Rea, gli stiamo chiedendo l’impossibile”

Superbike: Tom Sykes avrà una BMW con otto cavalli in più

Superbike: Alvaro Bautista scopre Imola “La pioggia? Non ho paura”