All Japan Superbike: quinto appuntamento stagionale a Okayama

Si torna in pista questo weekend

20 settembre 2010 - 3:08

Ad un mese dal ritorno in pista post-maratone Endurance di Suzuka lo scorso mese di agosto a Sugo, questo fine settimana l’All Japan Superbike si appresta a disputare il quinto evento stagionale all’Okayama International Circuit, ex-tracciato di Aida che ospitò a cavallo del 1994 e 1995 addirittura la Formula 1 per il Gran Premio del Pacifico. Abituale sede dei campionati giapponesi, Okayama sarà l’occasione per definire un pò i valori in campo in previsione del gran finale di Motegi e Suzuka dove prevedibilmente si giocherà il campionato. Tutti i “big” della JSB1000 si presenteranno con i riferimenti dei test disputati settimana scorsa sul medesimo tracciato dove i primi 5 piloti si sono ritrovati nello spazio di pochi centesimi, viaggiando sotto il muro dell’1’30”. Si prospetta dunque una bella bagarre secondo tradizione ed abitudine del campionato, dopo aver visto quattro differenti vincitori nelle prime quattro gare: Takahashi a Tsukuba, Akiyoshi a Suzuka, Yanagawa ad Autopolis e Itoh a Sugo.

Resiste ancora in testa al campionato il giovanissimo Takumi Takahashi, alla seconda stagione tra le Superbike, la prima con una moto competitiva e ufficiale, ovvero la Honda del team HARC-PRO con cui ha vinto a Tsukuba e, soprattutto, la 8 ore di Suzuka. Il 21enne pilota giapponese comanda la graduatoria a quota 73 punti, esiguo margine di vantaggio sul “sempreverde” (nel senso letterale del termine…) Akira Yanagawa, a 39 anni rimasto un pilota di livello internazionale vincendo ad Autopolis con la Kawasaki del Team Green. Tutti molto vicini, basti pensare che Katsuyuki Nakasuga, campione 2008 e 2009 ancora a secco di successi con la Yamaha YSP Racing Team, è a quota 66, seguito da Chojun Kameya (Sakurai Honda) a 63 e Kousuke Akiyoshi (F.C.C. TSR Honda) a 59. Paga invece lo sfortunato avvio di stagione Shinichi Itoh, vincitore a Sugo nonchè tre volte campione JSB1000, soltanto 10° in campionato con 32.5 punti.

Resta ancora tutto in gioco con Okayama circuito ideale per riaprire il confronto campionato: nei test Nakasuga e Kameya si sono mostrati estremamente veloci, ma gli altri piloti sono a ruota, ripetendo quanto sostanzialmente già vissuto nel 2009 contraddistinto dalla straordinaria rimonta di Katsuyuki Nakasuga.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoAmerica

MotoAmerica Road Atlanta: sempre Beaubier, brutto crash di Lewis

MotoAmerica

MotoAmerica Road Atlanta: Beaubier domina Gara 1

biesiekirski moto2

Moto2, ‘esordio’ alternativo per Biesiekirski: test a Barcellona con SAG Team