Nozane

All Japan Superbike Okayama: Nozane e Yamaha fanno festa

Kohta Nozane ritorna alla vittoria, Katsuyuki Nakasuga accorcia le distanze in campionato: si riapre l'All Japan Superbike 2019 dopo la trasferta di Okayama.

1 settembre 2019 - 11:34

Il terz’ultimo appuntamento stagionale stravolge ulteriormente gli equilibri dell’All Japan Superbike 2019. All’Okayama International Circuit, tracciato precedentemente riconosciuto come Ti Aida, Kohta Nozane torna alla vittoria in una giornata di festa per tutto lo squadrone Yamaha Factory Racing Team. Con il terzo posto in una gara caratterizzata dalla pioggia, Katsuyuki Nakasuga accorcia ulteriormente le distanze da Takumi Takahashi, soltanto quarto sul traguardo.

KOHTA NOZANE TORNA ALLA VITTORIA

A digiuno di successi da Motegi 2017, meritevolmente Kohta Nozane è tornato sul gradino più alto del podio. Dopo essersi garantito la pole position, nei 24 giri in programma il giovane pupillo Yamaha dai trascorsi nell’EWC non ha incontrato avversari lungo il cammino. In testa dalla prima curva, con la R1 #4 si è garantito la prima vittoria stagionale, rilanciando nel contempo le sue quotazioni in campionato. Eccezion fatta per la tappa di Motegi (scivolato) sempre sul podio nelle 8 gare finora disputate, il 23enne lanciato nel motociclismo che conta da Mitsuo Abe (papà del compianto Norifumi) sconta ora 27 punti di svantaggio dalla testa della classifica.

NAKASUGA ACCORCIA LE DISTANZE

Non solo Nozane si fa sotto in campionato. Con il terzo posto, il “Re” dell’All Japan Katsuyuki Nakasuga (Yamaha Factory) a sua volta ha ridotto il proprio gap nella generale. Seppur mai in lizza per la vittoria, Nakasuga si è portato ora a 21 lunghezze da Takumi Takahashi, con la Fireblade ufficiale quarto in gara e tuttora non al meglio per il recente infortunio alla gamba destra. Il portacolori del Team HRC è stato chiamato agli straordinari nell’ultimo periodo con due viaggi sull’asse Giappone-Portogallo: dopo i test, prossima settimana sarà impegnato nel World Superbike a Motegi a Portimao con Honda Moriwaki Althea, sostituendo l’infortunato Leon Camier.

CONFERMA DI RYO MIZUNO

Con Takahashi giù dal podio, a tenere alti i colori Honda ci ha pensato il giovanissimo Ryo Mizuno. Con la Fireblade del team HARC-PRO ha concluso nuovamente secondo dopo l’exploit di Motegi, affermandosi sempre più nell’elite dell’All Japan alla sua seconda stagione nella top class JSB1000. Seppur staccatissimo (55 secondi…) dalla vetta, si rivede nelle posizioni che contano anche Takuya Tsuda, quinto con la Suzuki del Team Kagayama a precedere lo stesso Yukio Kagayama, sesto con i colori Yoshimura. Per l’All Japan Superbike penultimo round 2019 in gara doppia ad Autopolis il 5-6 ottobre prossimi.

All Japan Road Race Championship 2019
Okayama International Circuit
Classifica Gara

1- Kohta Nozane – Yamaha Factory Racing Team – Yamaha YZF R1 – 24 giri

2- Ryo Mizuno – MuSASHi RT HARC-PRO Honda – Honda CBR 1000RR SP2 – + 4.039

3- Katsuyuki Nakasuga – Yamaha Factory Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 11.446

4- Takumi Takahashi – Team HRC – Honda CBR 1000RRW – + 16.869

5- Takuya Tsuda – TK Suzuki Blue Max – Suzuki GSX-R 1000 – + 55.371

6- Yukio Kagayama – Yoshimura Suzuki Motul – Suzuki GSX-R 1000 – + 58.608

7- Kosuke Akiyoshi – au & Teluru MotoUP RT – Honda CBR 1000RR SP2 – + 1’03.512

8- Kazuma Watanabe – Kawasaki Team Green – Kawasaki ZX-10RR – + 1’10.851

9- Ryosuke Iwato – Kawasaki Team Green – Kawasaki ZX-10RR – + 1’21.540

10- Kazuki Watanabe – Yoshimura Suzuki Motul – Suzuki GSX-R 1000 – + 1’33.540

11- Sodo Hamahara – Honda Dream RT Sakurai Honda – Honda CBR 1000RR SP2 – a 1 giro

12- Yudai Kamei – Honda Suzuka Racing Team – Honda CBR 1000RR SP2 – a 1 giro

13- Shinichi Nakatomi – Hitman RC Koshien Yamaha – Yamaha YZF R1 – a 1 giro

14- Yoshiyuki Sugai – Team Sugai Racing Japan – Aprilia RSV4 RF – a 1 giro

15- Yuta Kodama – Team Kodana – Yamaha YZF R1 – a 1 giro

16- Kazuhiro Kojima – Honda Ryouyokai Kumamoto Racing – Honda CBR 1000RR SP2 – a 1 giro

17- Akira Yanagawa – will raise Racing RS-ITOH – Kawasaki ZX-10RR – a 1 giro

18- Tajiri Hayato – GOSHI Racing – Honda CBR 1000RR SP2 – a 1 giro

19- Taro Sekiguchi – Team ATJ – Honda CBR 1000RR SP2 – a 1 giro

20- Rei Kuroki – GOSHI Racing – Honda CBR 1000RR SP2 – a 1 giro

21- Kazuki Ito – will raise Racing RS-ITOH – Kawasaki ZX-10RR – a 2 giri

22- Kazunori Yoshida – icuRT Moto Kids Central – Yamaha YZF R1 – a 2 giri

23- Naoki Kiyosue – Team With87 Kyushu – Kawasaki ZX-10RR – a 2 giri

24- Tomoya Hoshino – TONE RT SYNCEDGE 4413 – BMW S1000RR – a 2 giri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Kevin Manfredi

CIV Supersport: Kevin Manfredi assolto, ma non conterà

Federico Sandi

Federico Sandi correrà nella ASB1000 a Sepang con Ducati

Brocos Team, Luca Conforti

Broncos Team: “Nel 2020 con due piloti e la Ducati V4R