8h Suzuka: classifiche speciali per la 41esima edizione

Premi per i migliori equipaggi under-23, di soli 2 piloti e per chi si ritrova in testa dopo ogni singola ora di gara: edizione della 8 ore di Suzuka all'insegna delle novità...

15 marzo 2018 - 10:42

All’edizione numero 41 della 8 ore di Suzuka mancano ben 135 giorni, ma nel frattempo sono già in cantiere diverse novità per la “gara-delle-gare” che chiuderà la stagione 2017/2018 del Mondiale Endurance FIM EWC. Sotto-traccia sono state infatti istituite delle classifiche speciali destinate ad impreziosire ulteriormente l’evento e, perché no, anche ad “arricchire” alcune squadre considerato il montepremi in palio.

Commenta

per primo!

Oltre ai trofei destinati ai vincitori, a chi salirà sul podio, a chi si aggiudicherà la pole position e a chi conquisterà la vittoria nella classe Superstock (gara non valevole per il punteggio di questa graduatoria e con un regolamento particolare senza limiti nel numero degli pneumatici), gli organizzatori hanno previsto una serie di trofei particolari.

Il primo, rinominato “Tag Team“, sarà destinato all’equipaggio composto da soli 2 piloti meglio classificato all’esposizione della bandiera a scacchi. Premio speciale anche per la squadra che si ritroverà in testa al termine di ogni singola ora di gara (“1 Hour Top Award“), per l’equipaggio che recupererà più posizioni rispetto al risultato delle qualifiche (“Best Performance Award“) strizzando l’occhio persino ai giovanissimi.

Per la 41esima edizione è stato infatti istituito l’Under 23 Award per l’equipaggio meglio classificato al termine della corsa e composto da 2 o più piloti di età inferiore ai 23 anni. La 8 ore di Suzuka in fondo è anche questo, tra trofei particolari ed elementi distintivi di una corsa-mito…

Una dimostrazione in pista anticipa la 41esima edizione della 8 ore di Suzuka

Corsedimoto.com porta il Mondiale Endurance FIM EWC in TV e web per l’Italia

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Leon Camier: “Honda Superbike, c’è molto da fare”

Honda è tornata sul serio: ecco le CBR di Camier e Kiyonari

Arlington da urlo: Cooper Webb batte in volata Ken Roczen