125cc: Pol Espargaro “Io e la squadra dobbiamo lavorare”

Deluso per il risultato di Misano Adriatico, 6°

9 settembre 2010 - 1:46

Arrivato a Misano Adriatico, Pol Espargaro aveva espresso a chiare lettere il proprio obiettivo per il weekend: vincere. D’altronde nel 2009 si era ritrovato in testa all’ultima curva prima del celebre contatto con Andrea Iannone, in più poteva disporre di una Derbi RSA 125 dal rendimento costante, anche se in leggero calo rispetto alle medesime moto preparate dai team Aspar e Ajo.

In realtà “Polyccio” ha raccolto ben poco dal Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini, soltanto un sesto posto battuto dal compagno di squadra in Tuenti Racing, Efren Vazquez (3°), ritrovandosi indietro di 20 punti in classifica. Comprensibile la delusione ed amarezza del pilota spagnolo.

Sono deluso perchè quando si lotta per vincere il campionato un sesto posto è un pessimo risultato“, spiega Espargaro. “Al via ho provato a tener testa a Marquez e Terol, ma per compensare la mancanza di accelerazione della mia moto entravo forte in curva e rischiavo di cadere.

E’ chiaro che è un pessimo risultato e la squadra deve lavorar sodo per risolvere questi problemi in vista delle prossime gare. Io so di aver dato il massimo nel fine settimana e ho ottenuto il miglior risultato possibile, restano sei gare e continuerò a dare il massimo finchè resterò in corsa per il titolo“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP focus: le corse in Italia fino al Santa Monica/Misano Circuit

MotoGP, Aleix Espargaro

MotoGP, Aleix Espargarò finisce ancora nel mirino degli haters

agostini mv agusta

Giacomo Agostini, giro d’onore a Misano con la MV Agusta Superveloce AGO