125cc: i quattro italiani del mondiale verso Le Mans

Pronti al riscatto i nostri quattro portacolori

20 maggio 2010 - 5:27

Quasi giunta al termine la pausa che ci ha separato dallo scorso Gran Premio di Jerez al nuovo appuntamento del Motomondiale 2010 sul tracciato di Le Mans, terzo appuntamento stagionale. Nella classe 125cc, alla luce dell’esito delle prime due prove, i pronostici parlano chiaro: i favoriti saranno ancora i piloti spagnoli, a cominciare da Nico Terol e Pol Espargaro, vincitori rispettivamente a Losail e Jerez.

Per il round francese del calendario iridato auspicabile un ritorno da protagonisti dei nostri piloti italiani, possibilmente in grado d animare lo scontro e risollevare un inizio di campionato che non ha fruttato risultati particolarmente esaltanti. Della serie pochi, ma ci si auspica buoni per Le Mans: buon potenziale, ma relativamente “giovani” in termini di esperienza nel mondiale.

Luca Marconi, del team Ongetta, e Lorenzo Savadori, del Matteoni CP Racing, hanno alle loro spalle una stagione completa in 125 corsa l’anno scorso. Dopo un inizio piuttosto difficile in Qatar per entrambi, rientrando in Europa le sorti sono migliorate per Luca Marconi. A Jerez ha chiuso con il miglior risultato di sempre finora ottenuto nella sua carriera, diciassettesimo sfiorando la zona punti. In sella alla sua Aprilia e contando su un forte supporto tecnico, puo’ migliorare il suo potenziale e dimostrare quest’anno di poter riuscire a puntare molto piu’ in alto, nonostante il recente infortunio in allenamento con la moto da cross.

Per Lorenzo Savadori un sfortunato inizio di stagione, condizionato da un concatenarsi di fattori sfavorevoli che non gli hanno permesso di portare a termine finora nessuna gara. Sia lui che relativo team sono già al lavoro per cambiare l’andamento della situazione subito a partire da Le Mans, prima che possa diventare “critica”.

Al suo debutto ufficiale per la prima stagione completa nel campionato mondiale e’ invece Marco Ravaioli del team Lambretta Reparto Corse che corre con un propulsore di progettazione propria dell’azienda bolognese Engines Engineering. Anche qui si procede con non poche difficolta’, anche se ci sono stati degli effettivi miglioramenti che hanno portato al primissimo punto in classifica ad opera pero’ del compagno di squadra per i primi due round, lo spagnolo Luis Salom. Spinto da questo risultato il pilota cesenate potra’ sperare in una possibile buona stagione che lo porti a sviluppare e affinare le sue capacita’.

Infine, come ultimo rappresentante di categoria in ordine di approdo nel mondiale, c’e’ il ravennate Riccardo Moretti, campione italiano CIV 2009 che nonostante un’esperienza abbastanza consolidata alle spalle (on i suoi 25 anni di eta’ e’ il secondo pilota per “anzianita’ dopo il giapponese Tomoyoshi Koyama) e’ al suo debutto ufficiale nel mondiale in una stagione cominciata dallo scorso Gran Premio di Spagna. Il debutto pero’ non e’ partito con il piede giusto, protagonista di un brutto highside che gli ha compromesso la gara a pochi giri dall’avvio, rimontante in zona punti. A parte lo sfortunato evento, Moretti resta un pilota veloce e promettente, sul quale molti credono a cominciare da Italo Fontana, che si è prodigato nel completare il budget per mettergli a disposizione una Aprilia RSA.

Agnese Lazzarin

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

aegerter intact gp motoe

Dalla Moto2 alla MotoE, nuova sfida per Aegerter con Intact GP

Valentino Rossi

Valentino Rossi: “Con Munoz per cambiare metodo di lavoro”

Valentino Rossi pilota Yamaha

MotoGP, Valentino Rossi: “Settimane decisive tra Valencia e Jerez”