125cc: chiude il Team WRB, nuove squadre per Webb e Martin

Novità nello schieramento della classe 125

19 febbraio 2010 - 3:47

La notizia era trapelata ad inizio settimana, trovando prontamente conferma a Barcellona nel corso dei test collettivi della classe 125cc. Quest’anno non ci sarà al via della ottavo di litro il Team WRB, ex-Jack&Jones di Sito Pons, passato sotto la completa gestione di Javier Sabio. La ragione di questo sorprendente “forfait” viene dalla mancata reperibilità di un nuovo sponsor in grado di sostituire Jack&Jones, passato alla Moto2 con l’Antonio Banderas Racing.

Senza le dovute garanzie, il Team WRB ha dovuto fare un passo indietro “liberando” i due piloti sotto contratto. Danny Webb, che lo scorso mese di novembre aveva siglato un accordo biennale, ha confermato a MotoGP.com l’accordo con il team Andalucia Cajasol, struttura campione in carica del CEV 125 che affiancherà così ad Alberto Moncayo un giovane pilota, se vogliamo, di esperienza nella categoria. “L’accordo è già stato raggiunto, ma devo attendere perché tutto venga sottoscritto. Sarò a Valencia il prossimo martedì proprio per questo“, ha dichiarato il pilota inglese che disporrà di una Aprilia RSA.

Stesso pacchetto per Adrian Martin, che ha invece già firmato con il team Motorsport 69, squadra “costruita” da Alex Debon che correrà nella classe Moto2. Martin, che ha corso fino allo scorso anno nel CEV con il Team Aspar, ha ricevuto un aiuto proprio dallo stesso Debon che si è prodigato nel trovare budget per formalizzare l’impegno nella 125cc con una RSA in luogo della RSW precedentemente a disposizione con il team WRB.

Danny Webb e Adrian Martin li ritroveremo in azione soltanto nei test IRTA di Valencia a inizio marzo, mentre per quanto concerne il Team WRB il 2010 resta ancora incerto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Casey Stoner

MotoGP, Casey Stoner rivela: “Sono interessato alla Yamaha”

MotoGP, Joan Mir

MotoGP, Suzuki ha deciso: non serve un nuovo team manager

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Takahiro Sumi: i segreti della Yamaha e la YZR-M1 2022