125cc Aragon Prove Libere 3: Marc Marquez velocissimo

Nico Terol alle sue spalle, cade invece Pol Espargaro

18 settembre 2010 - 8:02

Fermatelo! Nemmeno Emilio Alzamora dal muretto box Ajo Motorsport riesce a fermare l’inarrestabile avanzata di Marc Marquez, che ha messo insieme tre giri consecutivi su di un ritmo indiavolato: prima ha limato i decimi, poi i centesimi fino ad arrivare ad un riferimento cronometrico di 1’59″992, primo pilota della ottavo di litro a scendere sotto il muro dei 2 minuti sull’inedito impianto del Motorland Aragon. Arrivato ad Alcaniz con i riferimenti dei test del luglio scorso e con la recente vittoria di Misano Adriatico all’attivo, il leader del mondiale sembra già imprendibile pensando alle pomeridiane qualifiche ufficiali.

Vedendo i distacchi rifilati agli avversari non può esserci altra tesi: Nico Terol 2° paga 794 millesimi, a 1″3 Pol Espargaro protagonista di una caduta fotocopia di quanto accaduto ieri a suo fratello Aleix in MotoGP, sempre nella discesa della curva 3. Ripartito “Polyccio” non è riuscito a recuperare, accontentandosi di comandare il classico gruppo degli inseguitori dove, da Misano, ne fa parte dopo uno strepitoso inizio di stagione.

Nelle posizioni di alta classifica si notano così Efren Vazquez, Sandro Cortese e Bradley Smith per una top-six monopolio dei team Ajo, Tuenti e Aspar, con Tomoyoshi Koyama 7° in memoria del suo grande amico Shoya Tomizawa, arrivato direttamente dal Giappone dove ha assistito ai funerali.

Per gli italiani buone e cattive notizie. Alla prima voce possiamo collocare la presenza in pista di Simone Grotzkyj Giorgi, assente ieri, 22° in graduatoria davanti al debuttante Alejandro Pardo con l’Aprilia del Matteoni Racing in luogo dell’infortunato Lorenzo Savadori, 24°. Solo un giro e tanti problemi per Marco Ravaioli, ultimissimo sperando di ottenere un buon riferimento nelle prove ufficiali con, a questo punto, la qualificazione al GP a rischio non essendo ancora rientrato nel 107 %: se tutto girerà per il meglio al box Lambretta non dovrebbero esserci particolari problemi e/o preoccupazioni.

Alessio Piana

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dani Pedrosa: “Lorenzo deve prendere più confidenza con la moto”

MotoGP, Andrea Iannone: “Ducati, Suzuki e Aprilia sono molto diverse”

Paolo Ciabatti risponde ad Alberto Puig: “Vuole creare polemiche”