125cc Aragon Prove Libere 1: Nico Terol prima della pioggia

La pioggia sospende le prove con una classifica inedita

17 settembre 2010 - 8:01

Qualche goccia che si è trasformata in un acquazzone nei 15 minuti conclusivi dell’inaugurale turno di prove per la 125cc al Motorland Aragon. Il risultato? Top 3 a parte una classifica completamente inedita per i valori in campo, con diverse sorprese al comando e Marc Marquez solo 23° in fase di “rodaggio” della sua Derbi RSA 125 percorrendo soltanto qualche giro.

Al comando c’è invece Nico Terol, vincitore di due delle ultime tre gare stagionali (Brno e Indianapolis), in grado di arrivare al crono di 2’04″580 scoprendo nel migliore dei modi il nuovissimo impianto di Alcaniz dove non ha avuto modo di provare lo scorso mese di luglio nei test collettivi di Moto2 e, appunto, 125cc. Seguono a breve distanza Pol Espargaro e Bradley Smith, mentre dalla quarta posizione in giù i distacchi accusano proporzioni abissali.

Tomoyoshi Koyama, seguito in pista ed in classifica dal giovane compagno di squadra (e campione della Red Bull Rookies Cup) Jakub Kornfeil, è quarto con Luis Salom 6°, Louis Rossi 7° e la wild card dell’ultim’ora Peter Sebestyen (già presente a Barcellona, ungherese pupillo di Gabor Talmacsi) addirittura 8°.

Riferimenti cronometrici poco indicativi anche se è promettente l’esordio di Alejandro Pardo: scivolata a parte il protagonista della Rookies Cup, sostituto di Lorenzo Savadori (frattura della clavicola) al Matteoni Racing, è 19° assoluto. Non ha girato invece Simone Grotzkyj Giorgi che, come recita il team Fontana nel proprio sito ufficiale, “Ad Aragon cominciamo domani!”. In pista invece Marco Ravaioli con il 22° tempo, fuori dal mondiale 125cc Luca Marconi che ha concluso la collaborazione con l’Ongetta Team sostituito da Pedro Rodriguez, uno dei 13 piloti spagnoli (!!) al via del GP di Aragon.

Alessio Piana

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dani Pedrosa: “Lorenzo deve prendere più confidenza con la moto”

MotoGP, Andrea Iannone: “Ducati, Suzuki e Aprilia sono molto diverse”

Paolo Ciabatti risponde ad Alberto Puig: “Vuole creare polemiche”