125cc: a Misano Adriatico cinque wild card italiane

Cinque talenti italiani al via del Gran Premio di Misano

2 settembre 2010 - 3:44

Come al Mugello questo fine settimana al Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini a Misano Adriatico troveremo ben cinque nostre wild card al via della classe 125cc, con l’obiettivo di crescere e confrontarsi con i migliori della ottavo di litro a livello mondiale.

Terza uscita stagione nella serie iridata per il Junior GP Racing Dream di Aprilia e della Federazione Motociclistica Italiana, già presente al Mugello e a Brno oltre che nell’italiano, in diverse prove del CEV e, a fine ottobre, ad Albacete per l’Europeo in prova unica.

Al Misano World Circuit rivedremo al via Alessandro Tonucci, vice-campione italiano ed europeo in carica, alla sesta partecipazione nel mondiale: 18° al Mugello, ha eguagliato lo stesso risultato a Brno, mentre lo scorso anno a Misano concluse in 29° posizione (21° in prova). Assente Luigi Morciano, Aprilia Junior GP porterà in pista l’attuale “runner up” del CIV Armando Pontone, 20° quest’anno all’esordio iridato del Mugello, e Giovanni Bonati al debutto assoluto nel Motomondiale.

Seconda partecipazione dopo il GP d’Italia per Tommaso Gabrielli e l’Aprilia del Racing Team Gabrielli, vincitori nella prova del CIV a Monza. Sarà la “prima” invece per Francesco Mauriello, che nella serie tricolore ha raccolto finora tre podi e si ritrova in terza posizione di campionato con l’Aprilia iscritta e preparata dal team Matteoni.

A Misano sono inoltre attese novità in merito al progetto della Federazione Motociclistica Italiana di seguire due piloti nel mondiale 2011 con il “Team Italia”, al fine di dare una svolta ad una situazione attualmente… problematica per i nostri giovani piloti.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Pecco Bagnaia

LIVE MotoGP Misano/2: cade Pecco Bagnaia, Quartararo è campione

Moto2 Misano-2: Vittoria di Sam Lowes, cade Raúl Fernández!

MotoGP, Pecco Bagnaia a Misano

MotoGP, Ducati spinge per Pecco. Jack Miller: “Non sono idiota”