FIM EWC: MotoTech si rinnova e punta in alto

L'ambizioso team MotoTech conferma l'impegno nel FIM EWC con un nuovo equipaggio: Gregory Fastre, Camille Hedelin ed il ritorno di Sebastien Le Grelle.

4 febbraio 2019 - 12:01

Da Wetteren, ridente cittadina di 23.000 abitanti nella provincia fiamminga delle Fiandre Orientali, il team MotoTech da tre stagioni a questa parte ha allestito una squadra al via del FIM EWC. Concessionario multimarca, MotoTech nel 2016/2017 iniziò questa avventura nell’Endurance con una Honda Fireblade affidata a piloti di livello (tra questi Steve Mercer e Didier Van Keymeulen), passando dalla passata stagione a Yamaha.

Un cambio di marca che ha garantito alla squadra diretta da David Drieghe maggior affidabilità (tutte le gare portate a termine), pianificando così un 2018/2019 di rilievo. Facendo tesoro del 17° posto assoluto conseguito al Bol d’Or, la compagine franco-belga ha rinnovato il proprio equipaggio in vista dei restanti eventi del calendario iridato.

Dalla 24 ore di Le Mans del 20/21 aprile prossimi si alterneranno in sella tre piloti di palmares internazionali, alcuni dei quali già con trascorsi in MotoTech. Il primo è Gregory Fastre, nelle ultime stagioni al via con Motors Events, ma con MotoTech vincitore della 6 ore di Spa Francorchamps lo scorso mese di agosto.

Accanto a lui in sella alla Yamaha R1 #61 correrà Camille Hedelin, fino al Bol d’Or in forze a Tecmas BMW (e protagonista del FSBK Superbike), più un gradito ritorno: Sebastien Le Grelle. Tra i piloti di maggior successo del Belgio, prossimo a compiere 45 anni tornerà alle corse dopo successi nell’I.R.R.C. (due volte Campione), annoverando inoltre la partecipazione al Mondiale 500cc nel 2000 con Tecmas Honda ELF.

Le Grelle, Hedelin e Fastre saranno il trio-titolare MotoTech, con l’apporto da “riserva” per Le Mans di Bram Lambrechts, riconfermato in squadra.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

La 8 ore di Suzuka 2019 in diretta TV su Eurosport 2

8 ore di Suzuka: domenica la 42esima edizione di una gara mito

Dani Pedrosa prova le moto storiche che guiderà al Goodwood Revival