British Superbike

British Superbike ad Oulton Park: sfida per il titolo

Il British Superbike ad Oulton Park per il giro di boa della stagione 2020 con 7 differenti vincitori in 9 gare e grande incertezza nella corsa al titolo.

17 settembre 2020 - 10:10

Una stagione 2020 compressa, atipica, per certi versi surreale senza l’apporto del pubblico, ma senza snaturare l’essenza del British Superbike. Il più competitivo e spettacolare campionato nazionale Superbike del pianeta questo weekend, sui saliscendi di Oulton Park, tornerà in azione per il quarto dei sei eventi previsti dal calendario, sempre con molteplici tematiche d’interesse e la garanzia di un gran bello show in pista. Lo dicono i fatti, lo ribadiscono i numeri: 7 differenti vincitori nelle 9 gare fin qui disputate in rappresentanza di 4 delle 6 case costruttrici impegnate. Una statistica da sballo, impreziosita da una costante: l’incertezza sugli effettivi valori in campo.

VARIABILI

Nel BSB regna l’equilibrio, elemento esasperato in una stagione 2020 dalle molteplici variabili. Con sole 18 gare in programma, inevitabilmente la costanza paga, ma nel contempo basta un weekend storto per rivoluzionare quanto offerto dalla classifica di campionato. Vincitore di una sola gara (e mai peggio di quarto sul traguardo), Glenn Irwin si presenterà ad Oulton Park da leader con un tesoretto di 35 punti da amministrare nei confronti della coppia Ducatista formata da Tommy Bridewell (Oxford Racing Moto Rapido) e Josh Brookes (VisionTrack PBM Ducati). I due monopolizzarono la scena nei due eventi a Cheshire lo scorso anno, ma da questo (doppio) precedente sembra esser trascorsa un’eternità. Nel 2019 le Ducati Panigale V4 R sembravano inavvicinabili, mentre oggi soffrono una problematica messa a punto dovuta all’introduzione del nuovo “gommone” Pirelli. In tutto questo fa festa il binomio Irwin-Honda, finora impeccabile con la nuova CBR 1000RR-R che vince e convince nella Superbike d’oltremanica.

EQUILIBRIO

Con ancora 225 punti in palio (e senza lo Showdown di mezzo) tutto può succedere da qui alla finalissima di Brands Hatch, ma le 35 lunghezze di margine rappresentano un bel bottino per Glenn Irwin. Il 30enne di Carrickfergus, al contrario del fratello Andrew, finora ha corso con la testa, massimizzando ogni singolo weekend di gara. L’equilibrio sostanziale emerso da Donington a Silverstone ha prodotto un’alternanza ai vertici con tanti legittimi pretendenti alla vittoria e, perché no, a recitare il ruolo di “arbitri” della sfida per il titolo. Come si comporterà Andrew Irwin con suo fratello nettamente più avanti in classifica? E la coppia McAMS Yamaha, con Tarran Mackenzie tornato alla vittoria e Jason O’Halloran reduce da tre podi di fila? Per non parlare di Christian Iddon, grande interprete dei saliscendi di Oulton Park, a più riprese in grado di ritrovarsi davanti al proprio compagno di squadra Brookes.

OCCHIO A RYDE

In questo spettacolare 2020 c’è spazio anche per la bella storia di Kyle Ryde, passato in un biennio dal rischiare di dover appendere il casco al chiodo a rispondere al profilo di “pilota del momento“. Con la doppietta di Silverstone non soltanto ha riportato la Suzuki alla vittoria, ma ha rinfrancato e proprie ambizioni in ottica-campionato. Il team Hawk/Buildbase ci crede, tanto da schierare in pista il tridente con lo stesso Ryde, Rea ed il rientrante Keith Farmer. Un’opportunità così non va depauperata…

RISCATTO

Sulla carta Oulton Park dovrebbe presentarsi particolarmente congeniale alle Ducati con l’auspicio, per il bene dello show, di ritrovare protagoniste anche BMW e Kawasaki. Rispettivamente con Bradley Ray e Lee Jackson hanno messo in mostra buone cose, ma non abbastanza per salire sul gradino più alto del podio. Di fatto, in questa appassionante stagione 2020, mancano soltanto loro…

Bennetts British Superbike 2020

La Classifica di Campionato

1- Glenn Irwin – Honda Racing – Honda CBR 1000RR-R – 157

2- Josh Brookes – VisionTrack Ducati – Ducati Panigale V4 R – 122

3- Tommy Bridewell – Oxford Products Racing – Ducati Panigale V4 R – 122

4- Kyle Ryde – Buildbase Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 114

5- Jason O’Halloran – McAMS Yamaha – Yamaha YZF R1 – 113

6- Christian Iddon – VisionTrack Ducati – Ducati Panigale V4 R – 106

7- Tarran Mackenzie – McAMS Yamaha – Yamaha YZF R1 – 101

8- Andrew Irwin – Honda Racing – Honda CBR 1000RR-R – 83

9- Lee Jackson – Rapid Fulfillment FS-3 Kawasaki – Kawasaki ZX-10RR – 78

10- Bradley Ray – Synetiq BMW Motorrad – BMW S1000RR – 48

11- Danny Buchan – Rapid Fulfillment FS-3 Kawasaki – Kawasaki ZX-10RR – 47

12- Luke Mossey – Rich Energy OMG Racing – BMW S1000RR – 39

13- Ryan Vickers – RAF Regular and Reserves Kawasaki – Kawasaki ZX-10RR – 28

14- Hector Barbera – Rich Energy OMG Racing – BMW S1000RR – 28

15- Peter Hickman – Global Robots BMW – BMW S1000RR – 25

16- Gino Rea – Buildbase Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 22

17- Alex Olsen – Global Robots BMW – BMW S1000RR – 8

18- Joe Francis – Lloyd & Jones Bowker Motorrad – BMW S1000RR – 8

19- Jack Kennedy – Santander Salt TAG Racing – Yamaha YZF R1 – 7

20- Dan Linfoot – Santander Salt TAG Racing – Yamaha YZF R1 – 2

21- Taylor Mackenzie – Synetiq BMW Motorrad – BMW S1000RR – 1

22- Storm Stacey – GR MotoSport – Kawasaki ZX-10RR – 1

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Oulton

BSB Oulton Park Gara 3: Brookes vince per la riscossa Ducati

Oulton Park

BSB Oulton Park Gara 2: O’Halloran bis, Irwin KO

Oulton

BSB Oulton Park Gara 1: Jason O’Halloran torna alla vittoria