Valentino Rossi e Alessio Salucci

Valentino Rossi sull’altare… con Alessio Salucci

Valentino Rossi testimone di nozze al matrimonio dell'inseparabile amico Alessio Salucci. Matrimonio blindato a Tavullia

28 luglio 2019 - 12:00

Nella chiesa di Tavullia alle 15,30 convola a nozze Alessio Salucci, storico amico e collaboratore di Valentino Rossi. “Sarà un matrimonio a tre“, perché il testimone di nozze non poteva non essere il nove volte campione del mondo.

Uccio e Pamela Severini sono fidanzati da undici anni e hanno una figlia di sette, dal nome forse non casuale: Vittoria. Sarà una Tavullia blindata, da una parte amici, familiari e ospiti, dall’altra la folla di curiosi che non vuole fare mancare il proprio sostegno ad una presenza ormai fissa all’interno del paddock. Sarà una cerimonia privata, con i ragazzi dell’Academy, qualcuno della Yamaha e di Sky. Resta ancora da scoprire il regalo del testimone di nozze Valentino Rossi, ma per adesso nessun viaggio di nozze. Da domani si organizza la trasferta a Brno, dove riprende la seconda parte di campionato.

Ma le dichiarazioni di Yamaha non avranno messo un po’ di malumore nell’ambiente VR46? “Assolutamente no, siamo tranquilli e sereni – ha detto Alessio Salucci a ‘Il Resto del Carlino -. I nostri rapporti sono serenissimi e aspettiamo una moto che vada più forte“. Nonostante il matrimonio la mente resta inchiodata alle gare, perché Valentino Rossi proseguirà sicuramente fino alla fine del 2020, parola di Albi Tebaldi. “Dopo tanti anni non ci si stufa mai di vincere qualcosa, anzi sento che sarà ancora così… Sostanzialmente non cambia nulla, mi sposo e sono contento, sono contenti anche i miei familiari“. Stavolta il caro Uccio è stato più veloce del Dottore…

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Sumi: “Sulle gomme di Rossi dobbiamo capirci meglio”

Francesca Novello, Valentino Rossi

Valentino Rossi a Yas Marina. Francesca Novello ‘outsider’ di Valencia

MotoGP, Valentino Rossi e Danilo Petrucci

MotoGP, mercato piloti: Ducati-Yamaha destini incrociati