Diritti TV, SKY, MotoGP

UFFICIALE Diritti TV, La MotoGP continua su SKY fino al 2025 compreso

Non cambia l'orizzonte dei diritti TV: la MotoGP, la serie motociclistica più importante, sarà trasmessa da SKY anche per i prossimi quattro anni

31 agosto 2021 - 9:22

Lo sport moderno vive di diritti TV e l’annuncio ufficiale di SKY è dunque di estrema rilevanza: la MotoGP resterà sulla pay tv italiana per i prossimi quattro anni, cioè fino al termine della stagione 2025. A dare l’ufficialità è stato Guido Meda, popolare voce delle moto in televisione e anche responsabile dell’area motori di SKY.

Il dopo Valentino Rossi 

Il ritiro dalle competizioni di Valentino Rossi non modifica  i piani della tv a pagamento, che  in tutti questi anni ha basato i piani editoriali e di business proprio sul traino rappresentato dal nove volte campione del mondo. “Valentino si dedicherà a scoprire i campioni di domani” ha sottolineato Guido Meda, lasciando intendere che – in un modo o nell’altro – lo spazio in TV per Rossi non mancherà. Valentino opinionista dei GP? Vedremo…

Rinnovo anche per la Superbike

Guido Meda non ha fornito dettagli riguardo i diritti del Mondiale Superbike, che sono passati a SKY da alcune stagioni dopo il disimpegno di Mediaset. Ma visto che la trasmissione della Superbike su SKY era una delle condizioni del precedente accordo, anche le derivate dalla serie resteranno in pay TV e in chiaro su TV8 sempre fino al 2025.

Le highlights MotoGP e Superbike su Corsedimoto

Il rinnovo quadriennale è una buona notizia anche per i lettori di Corsedimoto, che dalla scorsa primavera hanno l’opportunità di gustare highlights di prove e gare, approfondimenti e interviste realizzate dalla stessa SKY. Da maggio ad agosto (quattro mesi) i contenuti SKY proposti da Corsedimoto hanno fatto registrare ben 4.291,108 visualizzazioni pre-roll.

GP San Marino e Riviera Rimini Biglietti qui

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi e Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Valentino Rossi non si arrabbia più”

mir motogp misano test

MotoGP, Suzuki sul motore 2022: “Non una rivoluzione, uno sviluppo”

marc marquez motogp

MotoGP: Marc Márquez, primo contatto con la nuova Honda RC-V