Marc Marquez e Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi e Marc Márquez non sono più intoccabili

Yamaha con Valentino Rossi, Honda con Marc Márquez: in MotoGP non sembrano più esserci intoccabili. Quale sarà la reazione delle due leggende?

8 giugno 2020 - 9:33

In MotoGP non esistono gli intoccabili. L’ha dimostrato Yamaha che non ha esitato a mettere da parte una leggenda come Valentino Rossi per fare posto a Fabio Quartararo. Il pilota francese ha sicuramente dimostrato di avere manico per puntare in alto, ma perché tanta fretta di firmare se ancora non ha vinto una gara in classe regina? Il mercato e i team manager hanno dettato i loro ritmi, costretto Iwata ad accettare un ultimatum. Ducati era sulle orme del ‘best rookie’ 2019, il rischio di perderlo era troppo grande.

Non è un intoccabile neppure Marc Márquez. L’affare Pol Espargaró è un colpo nello stomaco per lui. Sono in tanti a vestire questa manovra di diplomazia, affermando che il team LCR Honda era lo sbocco naturale per Alex Márquez. Allora perché non farlo subito promuovendo Cal Crutchlow nel team factory? Honda ha giocato d’astuzia, ha messo la penna in mano al pilota catalano per il rinnovo, incantandolo con l’arrivo del fratello in Repsol Honda. I test invernali hanno fatto intendere che Alex non avrebbe certo avuto vita facile con la RC213V, da qui la scelta di bocciarlo in tronco. Le case giapponesi sembrano voler prendere le redini del paddock in mano, dopo anni di monopolio da parte di manager o personaggi che stanno assumendo un potere sempre più preponderante.

A questo punto cosa decideranno di fare Valentino Rossi e Marc Márquez? Il Dottore probabilmente firmerà per un’altra stagione accettando il “declassamento” nel team satellite Petronas SRT. Ma a quali condizioni? Lin Jarvis e Razlan Razali non sembrano troppo propensi a fare sconti, basti pensare al manager malese che ha innalzato un muro sulla scelta del team VR46. Vada per David Muñoz e Matteo Flamigni, per il resto dovrà accontentarsi del personale Petronas. E Marc Márquez come reagirà all’offesa inflitta al fratello minore? Emilio Alzamora non ha escluso un cambio di livrea prima della fine dei quattro anni. Ma chi avrà il potere economico di permettersi un ingaggio da oltre 15 milioni di euro? Stavolta in materia contrattuale Puig non avrà commesso errori, per il fenomeno di Cervera non sarà facile stralciare il contratto anzitempo. Ma in MotoGP tutto è possibile…

3 commenti

More_Pills
2:48, 9 giugno 2020

Articolo no sense. Rossi non è immortale quindi è chiaro che yamaha, essendo un azienda, investe su piloti più giovani e promettenti.
È altrettanto ovvio che honda ha investito dei soldi sperando che Alex sia degno del fratello ma con sta storia del virus nn c’è stato modo di metterlo alla prova e, giustamente, è libera di non investire ulteriore denaro per un pilota che per ora non da certezze.
Sono semplicemente 2 aziende che fanno i propri interessi e investono sul futuro. Yamaha sa come muoversi mentre honda, non fidandosi, ha deciso di optare su un pilota sicuramente più esperto in moto gp.
Ps: non credo che il 93 faccia rivoluzioni per il fratello. È su una moto cucita su di lui, lo pagano bene e di certo non rischia ora, prima deve superare i titoli di Rossi e poi forse cambierà.
È troppo comodo il bimbo per cambiare.

sbirulino197_14871414
12:56, 8 giugno 2020

Chi è che scrive queste poesie??continuano a paragonare Rossi a marquez ORAAAAA???ultima vittoria ANNO 2017 versus ULTIMI 7 ANNI 6 TITOLI MONDIALI!!!qua non si parla più di tifo….c’è qualche problema più grave del covid 19!!cio che è stato è stato e nessuno lo tocca ma è PASSATO!quartararo è il futuro!!e soprattutto marquez è il presente ed il futuro!Ma grazie a dio ci ha pensato HRC a fare la cagata…e spero vivamente di vedere il 93 vestito di rosso al più presto!!!

    chris101ar_14588642
    22:37, 8 giugno 2020

    Io spero di veder vincere un italiano… a prescindere dalla moto.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, Maverick Vinales: “Contro Suzuki non possiamo fare nulla”

binder marquez lecuona motogp

MotoGP, la lotta tra rookie: Binder-Márquez appaiati al comando

MotoGP, Franco Morbidelli e Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi-Franco Morbidelli: collaborazione “disastrosa”?