Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci

MotoGP, Petrucci o Dovizioso: chi finisce sulla graticola Ducati?

Danilo Petrucci ancora in affanno, Andrea Dovizioso eterno 2°, Fabio Quartararo piace a Ducati. Chi sarà il sacrificato per la stagione 2021?

4 ottobre 2019 - 19:05

Dopo la doppia debacle di Misano e Aragon, Danilo Petrucci ha tenuto un summit a Borgo Panigale con i vertici Ducati. Dopo la pausa estiva il pilota ternano non ha mai conquistato una top-5, una difficile situazione più mentale che tecnica. Ha ricevuto massima fiducia dagli uomini in rosso e non potrebbe essere diversamente in questo momento di campionato. “So su cosa devo lavorare, non c’è stata rivoluzione. Devo cambiare alcune cose, ma con poca presa non riesco e questo mi mette nei guai“.

Al termine del venerdì Danilo Petrucci è fuori dalla top-10 per un soffio, ma guarda con fiducia alle qualifiche. “Abbiamo capito quale direzione possiamo prendere. Ecco perché mi sento meglio. Dobbiamo ancora apportare piccole modifiche“. Da qui a Valencia il pilota umbro è sotto esame. Si attende un rapido ritorno alle prestazioni di Le Mans, Mugello e Catalunya, tre risultati utili per arrivare al rinnovo di contratto. Ma quella concessa al ternano è sempre stata una fiducia a tempo, che ha portato qualche strascico anche in SBK, dove Alvaro Bautista spingeva per tornare in MotoGP.

Gigi Dall’Igna ha per certi versi sfiduciato i suoi piloti. La notizia del possibile ingaggio di Jorge Lorenzo prima e di Fabio Quartararo negli ultimi giorni non porta certo ottimismo all’interno del box Ducati. Non è un mistero che il team emiliano stia cercando un pezzo da novanta per il biennio 2021-2022 con cui poter dare l’assalto al Mondiale. Poi c’è il sogno nel cassetto Marc Marquez, comune ad ogni costruttore. Anche se in questo momento sembra l’unico che potrebbe garantirgli un lauto contratto insieme ad una moto potenzialmente vincente. A questo punto chi potrebbe essere sulla graticola, Andrea Dovizioso o Danilo Petrucci? Conteranno più i milioni in bilancio o le prestazioni? Una cosa è certa: la bella favola dei due compagni di squadra che si allenano insieme è destinata a finire.

1 commento

fabu
21:16, 4 ottobre 2019

altroché piloti, finche Ducati non si libera di certi personaggi che circolano nel box, mondiali non ne vincerá mai.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gigi Dall'Igna

MotoGP, Gigi Dall’Igna: “A Valencia una Ducati completamente nuova”

Valentino Rossi

Valentino Rossi: “Bilanciamento e stile di guida per trovare grip”

Johann Zarco

Johann Zarco: “Grazie Yamaha, ma preferisco la competizione”