KTM MotoGP

MotoGP, KTM rinnova Pedrosa e Kallio: 2021 da titolo? (VIDEO)

Il test team KTM MotoGP rimane invariato nel 2021 dopo un bellissimo 2020 con tre vittorie. Nel 2021 potrebbero essere da mondiale?

17 dicembre 2020 - 19:00

Una delle liete sorprese della stagione 2020 di MotoGP è stata sicuramente KTM; con tre vittorie all’attivo e diversi podi, la casa austriaca ha concretizzato finalmente il lavoro svolto in questi anni lottando più volte per le posizioni di vertice. Lo sviluppo della RC16 sembra finalmente avere dato i suoi frutti, grazie anche al lavoro dei collaudatori Daniel Pedrosa e Mika Kallio che hanno saputo dare le giuste indicazioni ai tecnici.

Per questo motivo entrambi hanno ricevuto un’offerta di rinnovo da parte di KTM per essere tester anche nel 2021. Sia lo spagnolo che in finlandese saranno dunque nuovamente protagonisti cercando di limare gli ultimi dettagli per far sì che la casa austriaca possa lottare definitivamente per il mondiale. KTM sarà sicuramente una delle osservate speciali nel 2021, sia per la competitività mostrata nella scorsa stagione, ma soprattutto perché da agosto hanno perso le concessioni.

Scende dunque il numero di wild card disponibili (da 6 a 3, anche se in questo 2020 non sono state ammesse causa Coronavirus) così come quello dei motori a disposizione, che passa da nove a sette. Stop inoltre ai test illimitati e lo sviluppo del motore verrà bloccato ad inizio stagione. Un processo naturale per una casa in crescita che grazie ai bellissimi risultati ottenuti lo scorso campionato ha perduto questi privilegi.

I tre successi  del 2020

Il lavoro dei collaudatori sarà comunque importante per far progredire ulteriormente la RC16 e portarla ad essere stabilmente nelle prime posizioni. In questo senso il lavoro di Mika Kallio e Dani Pedrosa è stato egregio fino a qua come dimostrano appunto le due vittorie ottenute da Miguel Oliveira questa stagione e il successo da rookie di Brad Binder a Brno, oltre alle parole di elogio da parte di tutti i piloti ufficiali nei confronti dei tester. Non bisogna inoltre dimenticare le grandi prestazioni di Pol Espargaro che ha chiuso 5° nella classifica generale.

Nel 2021 tuttavia KTM perderà Pol Espargaro, futuro sposo di Honda, guadagnando però Danilo Petrucci. Il ternano farà parte del team Tech3 con Iker Lecuona, mentre Brad Binder e Miguel Oliveira faranno parte della struttura “ufficiale”. È bene usare le virgolette perché la casa austriaca riserverà lo stesso trattamento a tutte e quattro le moto; una scelta che quest’anno ha pagato, viste le vittorie del portoghese.

Con un progetto che sembra definitivamente in rampa di lancio, ma soprattutto confermato per quanto riguarda il test team viene da chiedersi se KTM sia pronta per l’ultimo passo. Le conferme di Dani Pedrosa e Mika Kallio sono il simbolo della continuità e di un lavoro che potrà proseguire con delle basi già affermate. KTM può seriamente pensare al titolo nel 2021? Nel video ad inizio articolo l’analisi di Alessio Piana sull’anno che verrà e le possibili ambizioni della casa austriaca.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

ducati motogp

MotoGP, Ducati firma fino al 2026. Dall’Igna: “Obiettivo il titolo piloti”

MotoGP, Santi Hernandez e Stefan Bradl

MotoGP, Santi Hernandez: “Dovizioso sostituto di Marquez? Meglio Bradl”

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “C’è chi va in pensione e chi è troppo vecchio”