Circuito di Sepang

MotoGP, furti nel paddock a Sepang: arrestate 3 persone

Tre addetti alla sicurezza del Sepang International Circuit sono stati arrestati con l'accusa di furto di gomme e altre attrezzature all'interno del paddock.

5 novembre 2019 - 13:12

MotoGP ancora nel mirino dei furfanti. La polizia malese ha arrestato tre membri della sicurezza del circuito di Sepang all’aeroporto di Kuala Lumpur. L’accusa è di avere collaborato al furto di diverse componenti durante il GP della Malesia 2019. Secondo quanto riporta l’agenzia di stampa locale “Bernama”, i tre uomini, che sono in detenzione preventiva fino a mercoledì, avrebbero aiutato a rubare diverse gomme anteriori, un set completo di ammortizzatori e freni e vari strumenti del team Angel Nieto, la squadra più colpita da questi furti avvenuti tra l’01: 00 e le 05:00 di venerdì.

Il capo della polizia dell’aeroporto internazionale di Kuala Lumpur, Zulkifli Adamshah, ha dichiarato che l’area del paddock in cui si sospetta si siano verificati i furti era sotto la sorveglianza del SIC e non è un’area che la pattuglia di polizia frequenta abitualmente. Senza rivelare indizi, l’amministratore delegato del SIC Razlan Razali ha dichiarato di aver consegnato altre prove alla polizia per ulteriori indagini. “Abbiamo ricevuto almeno due indizi, qualcuno ha scritto al centro di assistenza clienti SIC al riguardo“. Secondo un giornale locale la refurtiva avrebbe un valore di circa 45.000 euro (200.000 RM).

Qualche mese fa era balzato alle cronache uno steward del circuito di Jerez. In quel caso più che un furto si è trattato di una pessima figura. A Jerez, dove uno steward ha sottratto il polsino del fluido freni dalla Suzuki di Alex Rins. Il pilota MotoGP, che stava festeggiando sotto la tribuna dei suoi fan, non ha più trovato il polsino. Ma le camere onboard avevano ripreso il misfatto e il colpevole.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi

Valentino Rossi: “Con Munoz per cambiare metodo di lavoro”

Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo perde colpi in pista, ma non su Google

Valentino Rossi pilota Yamaha

MotoGP, Valentino Rossi: “Settimane decisive tra Valencia e Jerez”