Misano World Circuit: Altri investimenti per un impianto al top Mondiale

Misano World Circuit sempre più bello. Con l’ok del consiglio comunale di Misano Adriatico si apre un’altra stagione di investimenti all’insegna della sostenibilità ambientale  

29 marzo 2019 - 6:00

Misano World Circuit sempre più bello e funzionale. Dopo aver raggiunto la dimensione di circuito protagonista nell’elite mondiale, il Gruppo Financo rilancia con ulteriori investimenti per consolidare il profilo di MWC e schiudere nuovi orizzonti di sviluppo.
Tre gli interventi previsti dal piano industriale che ha originato un masterplan dall’obiettivo ambizioso: Misano World Circuit ‘Marco Simoncelli’ ambisce a collocarsi definitivamente nel gotha degli impianti internazionali dedicati al motorsport, all’insegna della sostenibilità ambientale, così da attirare nuovi eventi e alimentare la leggenda della Riders’ Land. Gli investimenti consentiranno alla struttura di accrescerne il prestigio e l’appeal per la domanda di eventi legati al mondo dei motori. Inoltre saranno spinta propulsiva, a vantaggio del territorio, per l’indotto economico che è stato appena misurato in oltre 162 milioni di euro l’anno.

“MWC è un volano per l’economia locale” 

Grazie al Comune di Misano – il commento di Luca Colaiacovo, Presidente Santa Monica SpA – perché anche in questo caso mostra sintonia sulle potenzialità che la struttura del circuito può rappresentare, sia come potente volano economico, sia come infrastruttura in grado di trasferire servizi alla comunità. Per il Gruppo Financo questo è il fattore decisivo per pianificare investimenti economici che mantengano e facciano progredire MWC sul palcoscenico mondiale del motorsport. Il Gruppo Financo conferma la sua disponibilità ad investire in qualità, innovazione e sostenibilità. Siamo convinti di essere un esempio propositivo per il territorio intero che vedrà l’incremento di una clientela sempre più internazionale che necessità di elevati standard di qualità. Tutto questo ci muove con la consapevolezza di fare squadra e vincere ancora nel medio lungo termine.”

“Raddoppiati gli eventi internazionali”

I referenti pubblici, le federazioni sportive, gli organizzatori professionali e i grandi brand – dice Andrea Albani, Managing Director di MWC – sono nostri interlocutori quotidiani e coinvolti nell’obiettivo di generare eventi sempre più qualitativi nel quadro della grande intuizione della Motor Valley, brand che tiene insieme un distretto economico, turistico e sportivo di impareggiabile appeal. MWC è una infrastruttura sempre più moderna e flessibile, fattori competitivi assai rilevanti che generano ottimi risultati, visto che in sette anni abbiamo raddoppiato gli eventi internazionali. Dal mercato emerge una domanda in crescita per gli eventi automobilistici e quanto previsto dai lavori sarà anche importante per dare risposte adeguate e attirare nuovi eventi”.

“Ci ispiriamo ad uno sviluppo sostenibile”

Sostenibilità ambientale e riqualificazione identitaria sono i due cardini attorno ai quali si sviluppa il masterplan”. L’Architetto Eduard Mijic, titolare dello studio Mijic Architects. “Tutti gli interventi previsti dal progetto sono ispirati a uno sviluppo sostenibile e all’obiettivo di accrescere la brand identity del circuito. I materiali tecnici che saranno utilizzati sono fortemente attenti all’ambiente, godono di alta sostenibilità in tutti gli aspetti del progetto. L’altro focus è l’identificabilità di Misano World Circuit. Gli interventi daranno un’impronta fortemente identitaria al circuito, per renderlo un impianto sportivo unico e sempre più riconoscibile in tutto il mondo”.

Ecco tutti gli interventi previsti

Il primo risponde alla necessità di implementare il numero dei box. Ciò consentirà di ospitare al meglio i grandi eventi e di farlo in certi casi prevedendo anche la contemporaneità. In particolare, sta sviluppandosi una domanda crescente nel settore auto. Si aggiungeranno nuovi spazi per meeting room e hospitality; nei nuovi locali troveranno posto anche l’archivio storico del circuito, una nuova area per esposizioni, shop, caffetteria, ecc.  I nuovi spazi avranno un’ulteriore ricaduta positiva grazie all’effetto mitigatore a livello acustico. Il secondo intervento riguarderà la pista Misanino e renderà coperta una porzione dell’area. Così da consentirne un utilizzo ulteriore nel quadro del progetto The Riders’ Land.  L’obiettivo è di farne un centro unico a livello internazionale e la possibilità di allenarsi in tutte le condizioni meteorologiche consentirà di aumentare l’utilizzo dell’impianto.

1 commento

marcogurrier_911
13:49, 29 marzo 2019

L’impianto di Imola dovrebbe prendere esempio….con la fortuna, pure, di essere un acciato ancora più tecnico e affascinante!

POTRESTI ESSERTI PERSO

La Bentley Continental ritorna a casa di Andrea Iannone

E’ scomparso Giuliano Maoggi, l’asso del MotoGiro 1956

Alvaro Bautista non scalda Aragon: solo 23.325 spettatori