Jorge Lorenzo

Ancora guai per Jorge Lorenzo: nuova causa giudiziaria

Jorge Lorenzo denunciato da una società di riscossione debiti per un mancato pagamento di 4 milioni di euro. Sarà un tribunale a mettere tutti d'accordo.

22 luglio 2019 - 10:56

Dopo la vacanza alle Maldive, Jorge Lorenzo ritorna a lavorare in palestra per provare a tornare in pista a Brno. La presenza in Repubblica Ceca resta ancora in dubbio dopo l’infortunio ad Assen. Ma a quanto pare il momento negativo del maiorchino sembra non avere fine, dopo la denuncia per un mancato pagamento di 4 milioni di euro.

Secondo Eltaquigrafo.com, la società specializzata nella riscossione dei debiti Office SCP ha denunciato il pilota Repsol Honda per una inadempienza di quasi 4 milioni. Questa società gli avrebbe permesso di recuperare quasi 13 milioni di euro che il pilota delle Baleari si era visto sottrarre da persone di sua fiducia nell’ultimo decennio. La maggior parte del denaro – 11,7 milioni di euro – sarebbe stata affidata a Jordi Puig Godés per realizzare una serie di investimenti immobiliari che non sarebbero mai stati effettuati.

Office SCP sostiene di aver recuperato gran parte dei soldi sottratti a Jorge Lorenzo, con tanto di risarcimento danni. Alla fine del lavoro la società avrebbe presentato un conto salato, pari a 4.294.512 euro di commissioni, vale a dire il 25% del debito recuperato. Finora il campione di MotoGP non avrebbe pagato nessuna somma, costringendo Office SCP ad avviare una causa. I legali di Jorge, invece, hanno citato in giudizio la società per violazione dei termini del contratto che entrambe le parti avrebbero firmato per il 2014, con conseguenti ritardi nei pagamenti delle imposte. Sarà un tribunale a mettere in chiaro la situazione giudiziaria.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo ritorna a Lugano: tempo di affari e incognita MotoGP

MotoGP, Andrea Dovizioso e Marc Marquez

MotoGP, Dovizioso provaci ancora: Marquez obiettivo non impossibile

miguel oliveira tech3

Miguel Oliveira: “MotoGP in Portogallo? Un sogno, ma…”