VIDEO Superbike Marco Melandri-Ducati Primo ruggito ad Aragon

Ecco il debutto ufficiale dell’ex iridato sulla Ducati Panigale per la sfida Mondiale Superbike 2017. Cominciata la due giorni di test in Spagna

1 Commento

Parte dalla Spagna l’assalto al Mondiale  Superbike 2017 di Marco Melandri e della Ducati. Nel video il momento del debutto: l’ex iridato 250GP, 34 anni, sale per la prima volta sulla Panigale coi colori ufficiali per la prossima stagione.

E’ un mattino di freddo intenso al Motorland nonostante il cielo terso. Alle 08:00 il termometro faceva segnare 1 °C, per cui l’attività è cominciata solo intorno alle 11, quando la temperatura è salita (si fa per dire…) a 5°C. La sessione odierna andrà avanti fino alle 17. Replica giovedi.

Melandri ha già provato la Panigale Factory a Misano, in agosto, ma qui in Spagna scende in pista per la prima volta in livrea ufficiale 2017. Per il 34enne ravennate è anche il primo, intrigante confronto diretto con alcuni (per non dire tutti…)  candidati al Mondiale. A cominciare dal compagno di squadra Chaz Davies, undici vittorie e terzo posto finale nel campionato scorso. Ma è in pista anche il due volte iridato Jonathan Rea con la Kawasaki vincitutto delle ultime due annate.

Tempo di debutti anche per Yamaha e Honda. Con la YZF-R1 sale per la prima volta Michael van der Mark che ha lasciato la CBR-RR nelle mani dell’attesissimo Stefan Bradl. Non vediamo ora che il cronometro ci offra i primi responsi.

 

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. l.zecchin_417 - 3 settimane fa

    Ciao Paolo buonagiornata.
    si c’è tanta carne al fuoco come in motogp si rimescolano le carte e via
    diciamo che finche’ la temperatura dell’asfalto non arriva almeno a 7 gradi….. i tempi sono poco significativi anche se la Pirelli porta la SC3
    che è la mescola usata nella fredda Inghilterra BSB funzionano come le gomme invernali per le auto… sarebbe meglio andare dove adesso è estate a fare sta roba comunque vedremo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy