BSB Cadwell Park: Siete pronti a volare? Alle 14:25 diretta AutomotoTV

Perché Josh Brookes è riconosciuto come il “King of the Mountain” di Cadwell Park? In questo video scoprirete perché…

Non è soltanto il Campione 2015, protagonista della serie dal 2009 (con la sola parentesi del 2016 trascorsa nel Mondiale Superbike) oltre che un legittimo pretendente al titolo 2018 in virtù di un bottino di 3 vittorie nelle ultime 4 gare. Josh Brookes questo fine settimana a Cadwell Park sarà il pilota più atteso dal pubblico. La ragione? Nessuno come lui riesce ad interpretare al meglio il “salto” del Mountain. Con ogni moto: dalla Honda CBR 1000RR alla Suzuki GSX-R 1000, passando per la Yamaha YZF R1 (vecchio e nuovo modello).

L’australiano è a tutti gli effetti il “King of the Mountain“, con gli scatti che lo ritraggono nel celebre salto diventate virali tanto da fare il giro del mondo. Brookes confida sarà così anche quest’anno, motivato a metter a segno una doppietta che a Cadwell Park gli manca dal 2015, questa volta sotto le insegne McAMS Yamaha.

Il Mountain è qualcosa di unico“, rivela Brookes in questo video registrato lo scorso anno al suo ritorno nel BSB e, chiaramente, a Cadwell Park. “Non c’è un punto analogo in nessun altro tracciato del mondo. Si dice che le Superbike non possono volare… beh, io ci provo comunque!”.

E ci riesce eccome, con uno dei due modi diametralmente opposti, ma entrambi efficaci, di interpretare questo salto. “Dopo la curva a sinistra e la successiva svolta a destra, con decisione si apre il gas e si sposta tutto il peso del corpo sulla moto… Superato il salto ci si prepara alle curve successive”, come se niente fosse, come se un salto con una moto da 220 cavalli sia la normalità…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy