8h Suzuka: -4 ore Jonathan Rea resta a secco!

A metà distanza la Kawasaki perde 35″ per un errore di calcolo di consumo: vittoria compromessa? Adesso è Yamaha contro Honda

Clamoroso colpo di scena a metà cammino della 8 Ore di Suzuka. Al 100° giro Jonathan Rea ha rallentato improvvisamente, imboccando la corsia box per il pit stop a motore spento. La Kawasaki, in quel momento in testa, ha commesso un errore di calcolo del consumo, che potrebbe costare la gara. Il campione del Mondo Superbike ha consegnato la ZX-10RR al compagno Leon Haslam ripartito con 35″ di ritardo sulla Yamaha che si era fermata due giri prima lanciando in pista Alex Lowes. Adesso sarà durissima per la Kawasaki recuperare un ritardo del genere, considerando che la Yamaha viaggiava in quel quarto stint a due-tre decimi.

HONDA IN AGGUATO – Kawasaki ha ceduto anche il secondo posto a vantaggio di Honda HRC, che non ha lo stesso ritmo di Yamaha e Kawasaki ma punta al colpaccio allungando a dismura gli stint nel tentativo di fare un pit stop in meno. Allo scoccare di metà gara Yamaha vanta 16 secondi su Honda che a sua volta precede di 15″ la verdona.

CADUTE – Una caduta (nella foto d’apertura) di  Takuya Fujita è costata il ritiro a Yamaha Yart, una delle formazioni di spicco fra le permanenti del Mondiale Endurance. Per quanto riguarda la caccia al Mondiale situazione in pugno di FCC TSR Honda in quinta posizione, mentre gli inseguitori Yamaha GMT94 navigano in decima. Il team giapponese può gestire anche 10 punti di margine nella classifica iridata. Mancano ancora quattro ore, può succedere di tutto.

8h Suzuka 2018

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy