Valentino Rossi: “Fermato da un problema, speravo di andar meglio”

Valentino Rossi: “Fermato da un problema, speravo di andar meglio”

Commenta per primo!

Dalla splendida prova di Losail alle difficoltà incontrate ad Austin. Valentino Rossi lascia il Texas con il sesto posto in gara, distante non soltanto dal vincitore Marc Marquez, ma anche e soprattutto dal proprio compagno di squadra Jorge Lorenzo (2° e a 13″) e da Cal Crutchlow, quarto sul traguardo. Di certo non un risultato positivo per il “Dottore”, che si aspettava qualcosa di più, problema al freno del disco anteriore a parte…

Speravo di andare un pò meglio“, afferma Valentino Rossi. “Senza dubbio oggi è andata male. Sapevamo che questa sarebbe stata una delle piste a noi sfavorevoli, inoltre sin dal giro di ricognizione ho avuto un problema al disco del freno anteriore: di fatto si è staccato un pezzo, c’erano tante vibrazioni e problemi ad ogni staccata sin dal primo giro.

A parte questo problema, oggi ho faticato. Abbiamo trovato una modifica giusta soltanto nel Warm Up, ma in gara la moto mi si chiudeva sempre davanti. Ho perso tempo dietro a Bautista ed, una volta che sono riuscito a passarlo, potevo raggiungere Bradl, ma a quel punto ho iniziato ad avere problemi sul davanti, soprattutto sul lato destro del pneumatico.

Potevamo far meglio, ma sapevamo che qui sarebbe stato difficile per noi e dovevamo difenderci il più possibile. In ogni caso ho preso punti per il campionato, in classifica non sono poi così tanto distante e spero che a Jerez andrà meglio. Nei test ero andato bene, questo mi rende fiducioso di poter tornare sul podio. Marquez? E’ stato bravissimo, vincere alla seconda gara in MotoGP non è un caso: bisogna esser un fenomeno, oggi è riuscito a fare la differenza in gara così come ci era riuscito nei test“.

Con questo risultato ora Valentino Rossi è quarto in campionato a 3 punti da Pedrosa, 11 dai due capoclassifica Jorge Lorenzo e Marc Marquez.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy