Superbike: come cambiano i regolamenti per il 2011

Superbike: come cambiano i regolamenti per il 2011

Le novità comunicate dalla FIM e Infront a Silverstone

di Redazione Corsedimoto

Sabato scorso la riunione della “Superbike Commission” a Silverstone ha realizzato alcune novità regolamentari per il mondiale Superbike in prospettiva 2011, comunicate dalla Federazione Motociclistica Internazionale attraverso un dettagliato comunicato stampa. Novità del regolamento tecnico e sportivo, coinvolgendo le classi Superbike, Supersport e Superstock 1000, deliberate dalla Superbike Commission composta da Paolo Flammini (Infront MotorSport), Claude Denis (delegato FIM) e Giulio Bardi (rappresentante dei team) con la partecipazione del Presidente FIM Vito Ippolito, arrivato a Silverstone sabato 31 luglio proprio per dare la benedizione… istituzionale. Parlando del regolamento sportivo, dal 2011 torneranno i turni di prove al venerdì mattina come succedeva fino ai primi round della stagione 2009. Ciascuna squadra della Superbike potrà presentare per ciascun evento 2 moto alle verifiche tecniche, una invece soltanto per Supersport e Superstock 1000 più un “spare engine” (motore “di scorta”). A proposito della Superstock 1000 FIM Cup, come risaputo è stato innalzato il limite di età da 24 a 26 anni. Ben più importanti le modifiche al regolamento tecnico della Superbike, tre punti, ma essenziali. Il primo parla del peso minimo delle moto, attualmente di 162 kg per le 4 cilindri e 168 kg (a scendere o salire a seconda dei risultati conseguiti) per le bicilindriche (adesso c’è un perfetto pareggio, 162 kg per 2 e 4 cilindri). A settembre, probabilmente in occasione del weekend di Imola, saranno comunicati i nuovi pesi delle moto: ci sarà un incremento, da decidere tra 165, 166 e 167 kg, con conseguenti cambiamenti nel “regolamento variabile” in merito alle bicilindriche. Il secondo punto è quello sicuramente più importante e riguarda i propulsori: sbarrata “unless a complete kit is available through normal commercial channels“, ovvero le squadre non potranno montare specifiche “kit” anche se disponibile dai concessionari. Il riferimento è al propulsore a cascata di ingranaggi della Aprilia RSV4, approvato a inizio 2010 dalla FIM e Superbike Commission, al debutto in gara nel corso della tappa Miller Motorsports Park dopo un primo test nelle prove libere di Assen. Le case dovranno pertanto rispettare le specifiche dei propulsori e relativa distribuzione secondo la moto omologata presso le sedi competenti FIM, rispettando le normative vigenti. Per chiudere, l’ultimo punto delle novità 2011 consente una sola misura di larghezza per il cerchio della ruota anteriore: 3.50in. Passando alla Supersport, anche qui a settembre si decideranno i nuovi pesi per le moto (da 161 a 163 kg). Già deliberata invece la nuova norma sulle carenature delle moto: si può usare un materiale diverso rispetto alla moto di serie, ma non la fibra di carbonio. Saranno ammessi rinforzi in carbonio o kevlar soltanto in altre aree specificate nel regolamento 2011. Medesimo discorso per la Superstock 1000, dove saranno comunque possibili cambiare le guarnizioni dei motori rispetto al modello di serie. Servizio Fotografico: Diego De Col

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy